Covid, l’appello: “Chiudere subito le scuole a Campobasso, prima che dilaghi la variante”

“La diffusione del Covid 19 in basso Molise desta grandissima preoccupazione.
Innanzitutto – scrivonoi rappresentanti della Lega al comune di Campobasso Tramontano, PAscale e D’Alessandro – manifestiamo la nostra solidarietà ai cittadini dei comuni molisani più colpiti che stanno vivendo, direttamente e indirettamente, ore drammatiche nell’affrontare il contagio da Covid, che con le sue varianti, è divenuto ancora più subdolo e pericoloso.
Ciò che sta accadendo a Termoli e nei Comuni del basso Molise deve essere un monito per le aree che ancora non sono state così pesantemente colpite.
La variante inglese sembra colpire maggiormente i bambini e i giovani e quindi, potenzialmente, può avere effetti devestanti.
Seppure i dati della città di Campobasso sembrano ancora rassicuranti, occorre prevenire gli eventi.
Ci appelliamo al Sindaco di Campobasso perché intervenga ora con determinazione e fermezza, esercitando i poteri che la legge gli riconosce: sospenda le attività didattiche per un periodo congruo al fine di mettere al riparo gli studenti e con essi le loro famiglie; aumenti i controlli per limitare comportamenti pericolosi; guardi alla sofferenza e alla pressione che stanno vivendo gli operatori sanitari.
La politica SERIA previene gli eventi, legge il presente e agisce con tempestività.
Sarebbe imperdonabile dover rincorrere eventi drammatici, avendo a pochi chilometri esempi lampanti e dolorosi: il confine geografico non basta ad arginare la diffusione del Covid 19.
Il gruppo della Lega al Comune di Campobasso ha mostrato grande sobrietà e senso di responsabilità in questo periodo emergenziale, ma ora è giunto il momento di tracciare una strada di chiarezza e di agire con forza, a tutela del supremo bene pubblico della salute.
Noi ci siamo e ci saremo, sempre dalla parte della nostra comunità.”