Covid, il vaccino salva la vita: numeri incontrovertibili in Molise

Il confronto tra i dati della settimana appena trascorsa, con quelli dello stesso periodo del 2020

Numeri che lasciano poco spazio all’interpretazione o a qualsivoglia commento. Proprio per questo aggiungeremo poco e faremo parlare, appunto, i numeri. In merito, ovviamente, all’emergenza Covid e ai dati che vengono forniti dall’Asrem nella nostra regione. E i numeri più piccoli del Molise fanno comprendere meglio il quadro della situazione.

Oltre al confronto giornaliero tra i dati quotidiani e quelli di un anno fa che proponiamo alla fine di ogni bollettino, iniziamo oggi una nuova rubrica, attraverso la quale compareremo i dati della settimana appena trascorsa con quelli dello stesso periodo di un anno fa. E i numeri sono anco più eloquenti rispetto al confronto giornaliero.

L’efficacia dei vaccini è lampante e incontrovertibile. Per questo facciamo parlare i numeri. Con l’intento di provare a fugare i dubbi di quanti sono ancora indecisi. Crediamo sia un dovere civico dell’informazione, in questo particolare momento, far emergere quei dati che maggiormente possano essere utili alla cittadinanza.

E quello più significativo, sul quale tutti dovremmo riflettere, riguarda le ospedalizzazioni. Che al momento sono 15, 13 delle quali riguarda pazienti non vaccinati.

Nella settimana tra il 29 novembre e il 5 dicembre del 2020 ci furono 661 contagi, il tasso di positività era all’11,1%, in terapia intensiva c’erano 10 pazienti e in area medica 56. Ma soprattutto in quella settimana ci furono 18 decessi.

Un anno dopo e con quasi l’88% di popolazione molisana vaccinata, ci sono stati 96 casi, tasso di positività al 2,7%, in terapia intensiva c’è un solo paziente (non vaccinato) e in area medica ce ne sono 14 (12 dei quali non vaccinati). Ma soprattutto nella settimana appena trascorsa c’è stato un solo decesso.

La differenza, evidentemente, è da rintracciare esclusivamente nel vaccino. In Molise, per fortuna, c’è una delle percentuali più alte di vaccinati in Italia. Ha concluso il ciclo l’87,78% della popolazione, mentre le prime dosi hanno raggiunto il 91,61%. Si viaggia spediti anche sulle terze: già il 20,52% ha effettuato la dose booster. (Dati Asrem)

In basso il confronto tra la settimana 29 novembre – 5 dicembre di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2020.