Come funziona e quali sono i vantaggi di una PEC gratuita per privati

La maggior parte dei nostri gesti quotidiani è ormai legata a doppio filo alla virtualità. Ci affidiamo ai device elettronici – tablet, pc e smartphone in primis – che si comportano come veri e propri assistenti digitali tuttofare. Non paghiamo quasi più utilizzando i soldi contanti anche grazie agli strumenti messi a disposizione a livello governativo per il rilancio dell’economia, ci connettiamo con gli altri via social e facciamo sempre meno ricorso ai documenti di carta per comunicare tra privati o con le realtà di lavoro e la pubblica amministrazione.

Al posto dell’invio di una tradizionale – e più costosa – raccomandata A/R, oggi anche i comuni cittadini scelgono di ricorrere a uno strumento virtuale che è pratico e sicuro. Stiamo parlando della PEC gratuita per i privati, la quale fa senza dubbio risparmiare sia tempo che denaro. Vediamo quali sono le sue principali caratteristiche e come funziona, in modo da fare il punto sulla convenienza di attivarne una.

Assume lo stesso valore legale di una raccomandata A/R

Utilizzando una PEC gratuita per privati diventa possibile scambiarsi delle comunicazioni via mail che vengono equiparate alle raccomandate A/R. I messaggi inviati tramite la casella certificata assumono infatti valore legale e possono essere utilizzati come prova in un contenzioso giudiziale. Tutto questo a patto, però, che sia il mittente che il destinatario dispongano di una casella PEC. Non verrà insomma riconosciuto alcun valore legale se la PEC viene inviata a un indirizzo di posta elettronica tradizionale. Ricorrendo a quest’ultima si potrà avere sia certezza dell’invio del messaggio – contenente il testo ed eventuali allegati – che dell’avvenuta ricezione da parte del destinatario. Il contenuto della mail non può essere modificato, quindi la certezza sarà anche relativa all’integrità dello stesso (e degli allegati se presenti).

Quando si può utilizzare la casella di posta certificata

Attivare una PEC gratuita per privati non è obbligatorio ma senza dubbio il fatto di disporne offre molti vantaggi. Primo tra tutti – specie di questi tempi – quello di non doversi recare alle Poste facendo file e sottostare ad estenuanti attese. Ci sono molti casi in cui attivare una PEC rappresenta davvero tutto ciò che serve per svolgere attività e pratiche legate a doppio filo alla quotidianità. Qualche esempio? Si possono scambiare messaggi con valore legale con l’Inail e con l’Inps ma anche con scuole e università. Si può prendere parte a bandi pubblici e gare d’appalto, senza dimenticare che si possono inviare in questo modo sia documenti legali privati che di lavoro. Si può richiedere via PEC un certificato agli uffici comunali, oppure comunicare uno stato di malattia e richiedere il cambio di residenza e molto altro ancora. La mail PEC è dunque uno strumento efficace per qualsiasi comunicazione si renda necessaria e richieda un’aura di ufficialità e formalità. Sempre più persone comuni fanno richiesta di attivazione di una casella certificata. Quasi tutti i gestori consentono di fare una prova della PEC gratuita per privati per un periodo di tempo durante il quale, utilizzando la casella, si potrà capire se si tratti di un servizio utile. Anche se una PEC gratis per i cittadini non esiste, bisogna dire che comunque il suo costo è assolutamente accessibile.