Colpì con decine di coltellate il coinquilino: era incapace di intendere e di volere, assolto

Era l’11 ottobre del 2021 quando tra due studenti universitari coetanei che abitavano nello stesso appartamento al quarto piano in via  Vasco De Gama a Pescara scoppiò una feroce lite che portò un termolese ad accanirsi con un coltello verso l’altro, sempre termolese, ferendolo alla gola e alla testa dopo diversi fendenti inferti.  Stando a quanto sarebbe accaduto il malcapitato sarebbe stato accoltellato dopo essere uscito dal bagno. E’ notizia delle ultime ore che il ragazzo, comparso davanti al tribunale di Pescara, è stato assolto con formula piena grazie alle perizie effettuate sul giovane che hanno provato l’incapacità di intendere e di volere del 22enne al momento del tentato omicidio. Il 22enne non è stato condannato nemmeno al risarcimento del danno chiesto dalle parti civili dopo il rifiuto di una proposta d’indennizzo. Il ragazzo attualmente sta compiendo un percorso di recupero socio-psicologico.