Cimitero, si cercano spazi

Meetness

Si cercano spazi al cimitero di Termoli. Sì perché come orami tutti sanno in città il luogo dove i defunti dovrebbero trovare la pace terrena è ormai al collasso. Non ci sono più posti e non ci sono più tombe disponibili. Niente più loculi e zero spazi per le sepolture a terra. Il che significa che per creare nuovi spazi c’è una sola possibilità: quella di togliere chi lì è già sepolto da decenni per fare spazio per i ‘nuovi’ defunti, alcuni dei quali restano in attesa nella camera mortuaria dove le bare si accumulano nei momenti peggiori, come è già accaduto nelle scorse settimane. E così nel bel mezzo dell’emergenza maltempo, con la neve che cadeva copiosa anche su Termoli il Comune di Termoli ha firmato una nuova ordinanza per l’estumulazione dei parenti seppelliti più di 40 anni fa nel campo cosiddetto B, quello vecchio. Un disagio che sta diventando sempre più evidente a Termoli con le famiglie dei ‘vecchi’ defunti che saranno costretti inesorabilmente a sostenere le spese per l’estumulazione dei loro cari, che ammontano a circa 500 euro per ogni defunto.

E così è arrivata la nuova ordinanza del sindaco che ha stabilito che “essendo trascorsi i termini, bisogna provvedere alle esumazioni ordinarie con decorrenza immediata”. Ragioni di urgenza alla base della decisione che impone l’esumazione di altri 35 defunti, dopo i 22 che erano già stati esumati nelle prime settimane di gennaio. Il problema alla base della decisione, quindi, è sempre lo stesso: il cimitero scoppia e di posti liberi non ce ne sono. Un problema che si aggiunge a un altro: per realizzare la nuova ala occorre del tempo. E così da oggi gli operai con la tuta bianca torneranno al cimitero per provvedere alle estumulazioni e garantire lo spazio per i defunti più recenti che non hanno un posto nelle cappelle private. Nel frattempo il Comune ha prorogato di sei mesi il contratto in corso con la Dr Multiservice per la gestione del cimitero comunale.

Una decisione che è stata ufficializzata attraverso una determina dirigenziale firmata dalla dottoressa Brigida Barone al vertice del servizio Patrimonio. Il contratto che era stato firmato più di un anno fa con la ditta di Guglionesi sarebbe scaduto proprio nella giornata di ieri ma il Comune ha scelto di prorogarlo fino al 28 agosto prossimo in attesa di capire come evolverà il project financing voluto dall’amministrazione Sbrocca per la gestione e l’ampliamento del cimitero. Un project financing da 14milioni 498mila euro per il quale sono ancora in corso le procedure di messa a bando della finanza di progetto che porterà ad avviare l’opera con il potenziale vincitore che avrà il compito non solo di gestire ma anche di progettare e realizzare l’ampliamento del cimitero. Nel dicembre scorso era stata giudicata di pubblico interesse la proposta giunta da un’associazione temporanea di imprese. La richiesta di tutti, in ogni caso, è che si possa giungere al più presto alla risoluzione del problema con la realizzazione di una nuova ala del cimitero che, allo stato attuale, risulta decisamente inadeguato a contenere le salme di tutta la città.

 

Meetness

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli