Casa Museo 2.0 in Molise, fatto il primo passo: successo per l’inaugurazione

L’obiettivo è quello di portare avanti un importante progetto di valorizzazione con la realizzazione di una innovativa Casa Museo in Molise. E’ stato inaugurato nella serata di ieri, giovedì 15 ottobre, Dialoghi della Casa Museo, un appuntamento culturale che vede artisti, filosofi, antropologi, critici, economisti e sacerdoti confrontarsi sul rapporto tra l’arte e la fede, per mettere a fuoco il presente e il futuro di una relazione imprescindibile realizzato nel tempo e proiettato nel panorama culturale contemporaneo. Gli eventi avranno luogo nel Palazzo Vescovile, nel cuore del Borgo di Termoli, che da quest’anno è stato oggetto di un importante progetto di valorizzazione con la realizzazione di una innovativa Casa Museo in Molise. Si tratta di una dimora storica che ospiterà mostre, installazioni artistiche, eventi culturali e presentazioni di libri con una sezione dedicata all’ospitalità. L’iniziativa, condivisa dal vescovo, Gianfranco De Luca, è stata sostenuta dalla diocesi di Termoli-Larino nell’ambito dei progetti dedicati alla valorizzazione del Patrimonio storico, artistico e culturale del territorio. Il primo incontro ha visto protagonista un Dialogo d’arte e fede tra don Nicola Mattia e l’artista Michele Porsia che ha partecipato alla realizzazione della tredicesima Mostra Diocesana dal titolo “Imprevisto”, nata da una profonda riflessione del tempo che stiamo vivendo dal punto di vista delle conseguenze e delle reazioni del post-pandemia, interrogando gli artisti non solo sul tema ma anche sulle modalità di realizzazione della mostra. Da qui, la scelta di ripartire dall’umano e dalle sue relazioni, dalla necessità di rimettersi in cammino attraverso una mostra itinerante che ha visto coinvolte le botteghe del borgo che hanno accolto un’installazione nelle proprie vetrine.