Campobasso, domani la ripresa degli allenamenti. Il presidente Gesuè: “Renderemo ancora più forte la base societaria”

Il Campobasso si accinge a tornare in campo per gli allenamenti, sospesi la scorsa settimana. Da domani, infatti, i rossoblù torneranno agli ordini di Cudini con un obiettivo preciso: preparare nel migliore dei modi la trasferta di Albalonga, recupero della sesta giornata in programma il prossimo 18 novembre con calcio d’inizio alle 14.30.

Sulla data indicata, il presidente della Cynthialbalonga Camerini ha espresso più di qualche perplessità. “Noi giocheremo in casa – ha spiegato – in sostanza ci cambierà poco. I nostri avversari dovranno affrontare una trasferta in mezzo alla settimana evitabile. Che senso ha programmarla per il 18 e non per il 22 novembre? Ci adegueremo alle disposizioni della Lnd, naturalmente, ma con la situazione Covid che coinvolge entrambe le formazioni forse giocarla quattro giorni dopo sarebbe stato meglio”. Come noto, anche il Campobasso sta facendo i conti con il virus: buona parte della rosa è risultata negativa al tampone, ma ci sarebbero ancora alcuni esiti in sospeso a nove giorni dalla sfida in terra laziale.

Il presidente Gesuè tra campo e progetti futuri. Nella giornata di ieri – in collegamento da Londra per Trsp – il presidente rossoblù Mario Gesuè è intervenuto sui tanti temi che riguardano il mondo Campobasso. Dalla società al mercato, passando per il protocollo Lnd e la prosecuzione del campionato. “Ai tifosi – ha rassicurato – dico che non siamo fermi. La base societaria è stata allargata, stiamo lavorando per renderla ancora più forte. Chi è stato con noi all’inizio ha fatto più danni che altro…. ora siamo ben oltre quello scenario: la nostra è una società forte e stabile. Il calcio uscirà dalla pandemia con forze in campo completamente riscritte, una evoluzione dalla quale bisogna uscire pronti e rafforzati”.

“Cosa penso dello stop al campionato? Noi vorremmo giocare sempre, anche sette giorni su sette se necessario. Non facciamo calcoli e non li abbiamo mai fatti. Considerata la rosa siamo preparati anche a giocare più volte in una settimana. Nell’ipotesi estrema, quella di calendario fitto, siamo pronti anche ad intervenire sul mercato per potenziare ulteriormente l’organico. I tifosi – ha concluso il presidente del Campobasso – devono stare tranquilli: ci saranno belle novità anche nei prossimi mesi”. Le. Lo.