Campobasso abbraccia Fra Immacolato nel giorno della celebrazione di Venerabilità

Il carmelitano ha affrontato le sue prove con la consapevolezza di doverne fare un dono molto concreto e tangibile da porgere a chi lo incontrava

“La Celebrazione di Venerabilità di Fra Immacolato ha trovato l’intera comunità di Campobasso, pronta a lasciarsi coinvolgere da questo atto che nasce da quella stessa speranza che Fra Immacolato esercitò in vita e che lo portò a sperimentare forme di fiducia altrimenti impensabili”.

Queste le parole del sindaco di Campobasso, Roberto Gravina.

Fra Immacolato ebbe la capacità di far divenire la sua stessa casa, il luogo in cui visse praticamente per tutta la vita insieme ai suoi affetti più cari, essa stessa comunità, accogliendo presso di sé, in ogni modo e in ogni occasione, quanti ebbero bisogno di una luce differente e più profonda con la quale illuminare la propria ragione di vita.

A ben guardare, quella capacità di includere e di andare incontro all’altro anche in quella condizione di estrema costrizione fisica che dovette vivere, rappresenta compiutamente il bene più grande che Fra Immacolato ci ha donato e ne esplica l’interesse sociale, l’attenzione verso la persona che partiva dalla scelta di avere fiducia.

La fede che ne ha permeato il cammino terreno ha prodotto, in chi ha avuto modo di conoscerlo direttamente, ma anche in chi ha incrociato la sua storia nei racconti e nelle cronache documentate, riflessioni profonde sul senso da dare alle prove che la vita ci pone innanzi.

Fra Immacolato ha affrontato le sue con la consapevolezza di doverne fare un dono molto concreto e tangibile da porgere a chi lo incontrava e, attraverso di essi, a chi lo ricorda ancora e a chi ha permesso che oggi la sua esperienza di vita giunga a tutti noi con la forza vitale non di un semplice atto di memoria, bensì con quella avvolgente che solo l’abbraccio tra chi si vuol bene e, prim’ancora, tra chi si accoglie senza riserve e preclusioni, sa farci avvertire.

Ebbene, è proprio quello l’abbraccio che oggi e sempre Campobasso continuerà a scambiarsi con Fra Immacolato.”