Calcio. Teramo retrocesso in serie D, tra dieci giorni l’appello

E? arrivata ieri la sentenza del Tribunale nazionale della Figc in merito all?indagine del calcioscommesse e compravendita delle partite. Le richieste del procuratore Palazzi, dunque, hanno retto, con qualche limatura. In primis, il Catania viene retrocesso in Lega Pro con una sanzione di meno dodici punti per il prossimo campionato oltre a una ammenda di 150mila euro per la societ? e 300mila per il presidente Pulvirenti squalificato a sua volta per cinque anni e non radiato per aver collaborato. Quattro anni all?ex amministratore delegato Cosentino a cui va aggiunta una multa di 50mila euro. Per quel che riguarda invece Teramo e Savona, entrambe vengono retrocesse in serie D per la responsabilit? diretta nella combine della gara tra le due che port? gli abruzzesi in B. L?ammenda ? di 3mila euro ma senza alcuna penalizzazione da scontare nella prossima stagione. I rispettivi presidenti Campitelli e Dellepiane sono stati condannati a cinque anni di squalifica pi? preclusione. Inoltre, c?? da aggiungere che al Brindisi ? stata tolta la serie D e potr? ripartire dai campionati regionali, mentre la Vigor Lamezia ripartir? con cinque punti di penalit? e la Torres con due (a entrambe 25mila euro di multa). Per tutte le societ? condannate ci sar? la possibilit? di inoltrare ricorso entro la giornata di luned?. Teramo, Savona e Catania hanno gi? fatto sapere di voler ricorrere. Tra una decina di giorni i processi di secondo grado presso la Corte d?appello federale.