Bullismo e Cyberbullismo, a scuola s’impara a conoscere il fenomeno e prevenirlo

In distribuzione nelle scuole molisane 5000 vademecum per saperne di più

«Il confronto con i ragazzi sul tema del bullismo mi ha arricchito e soddisfatto». Così la Garante regionale dei Diritti della Persona, Leontino Lanciano, al termine delle prime tappe della campagna contro bullismo e cyberbullismo che prevede anche la distruzione di un Vademecum informativo, per prevenire i due fenomeni, a tutti gli studenti delle scuole medie molisane.

Leontina Lanciano ha incontrato i ragazzi dell’Istituto Comprensivo ‘San Giovanni Bosco’ e dell’Istituto ‘Giovanni XXIII’ di Isernia, poi quelli della ‘Schweitzer’ di Termoli, infine gli studenti dell’Istituto Comprensivo “D’Ovidio” di Campobasso. «Ringrazio i dirigenti scolastici e i docenti per l’accoglienza, ma soprattutto ringrazio i ragazzi che hanno contribuito in maniera determinante al confronto. Le loro domande e il loro profondo interesse ci fanno capire che bullismo e cyberbullismo sono avvertiti come minacce concrete e che i ragazzi percepiscono l’importanza della prevenzione. La nostra campagna di sensibilizzazione proseguirà in altre scuole, così da coprire tutto il territorio regionale. Abbiamo stampato 5000 vademecum informativi che distribuiremo a tappeto tra i banchi di scuola. Come Garante mi impegnerò a fondo affinché i casi di bullismo e cyberbullismo siano sempre frequenti, perché, inutile nasconderlo, l’emergenza c’è anche nella nostra regione. Sono gli stessi ragazzi a farlo capire. Per loro ci siamo e ci saremo sempre». ha concluso Leontina Lanciano.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com