Salviamo le rondini dal declino – Riflessioni, letture, informazioni e proposte

E’ questo il tema dell’incontro in programma per sabato 6 agosto alle ore 18.00 presso il Centro Visita Oscar Caporaso in Castel san Vincenzo, inserito nel variegato e originale programma del Festival olistico nazionale Madre Terra. Un argomento che pone all’attenzione l’ormai conclamato declino di uno dei volatili più amati e iconici: la rondine. Oltre il quaranta per cento delle rondini (anche balestrucci e rondoni) non torna più a nidificare nei nostri luoghi, una diminuzione iniziata qualche decennio fa- segnalata lungamente e con varie campagne di sensibilizzazione dalla Lipu e da altre associazioni ambientalistiche- e che oggi pone questo uccello migratore inesorabilmente verso l’estinzione se non si agisce subito e in maniera efficace. Il volatile, dai lunghi viaggi che lo portano a percorrere oltre diecimila chilometri per raggiungere l’Africa affrontando percorsi e traiettorie divenuti sempre più pericolosi, paga le conseguenze dei cambiamenti climatici, la trasformazione delle biodiversità in monoculture, l’uso sconsiderato di pesticidi, le modifiche dei luoghi e dei posti di nidificazione, e non ultima la mano dell’uomo che distrugge i nidi persino con i rondinotti ( una legge la numero 157/ 92 dell’articolo 635 del codice penale tutela le rondini e i loro nidi che non possono essere distrutti!). A questi attacchi continui vanno aggiunti tutti i pericoli che le rondini affrontano durante la migrazione tanto che è stato calcolato che su dieci solo la metà sopravvive. Anche le rondini, insieme con centinaia di altri animali, subiscono le scelte distruttive di una realtà sempre più rivolta all’antropocentrismo, che pone l’uomo economico al centro in ogni ambito, un uomo che deturpa e depriva in maniera sconsiderata e pericolosa la natura mentre bisognerebbe adottare prontamente scelte rivolte al biocentrismo che contempla la necessità di mettere la vita al centro di ogni scelta, quella di tutti gli esseri viventi, compresi gli alberi e ogni altro elemento della Terra. L’incontro prevede la partecipazione di Marisa Margiotta, sindaco di Castel san vincenzo, sensibile alle tematiche dell’ambiente e della sua salvaguardia, di maria stella Rossi, ideatrice della campagna Salviamo le rondini dal declino, di Guglielmo Ruggiero, guida ambientale escursionistica Aigae, nonchè curatore del Centro visita, interessante, utile e stimolante luogo dedicato con sapienza e professionalità alla conoscenza della fauna del Parco Nazionale d’Abruzzo Molise e Lazio, oltre che dimora paesaggistica con vista spettacolare verso il lago, le Mainardi, la vallata che a perdita d’occhio si offre allo sguardo del visitatore. In armonia con il tema trattato, l’intervento musicale di Giulia Maselli, cantante con voce e interpretazione coivolgenti che poporrà brani ispitati alle meraviglie che questa nostra Terra ancora ci offre.