Bilancio Convittiadi, 7 medaglie e sesto posto per il “Mario Pagano” di Campobasso

Sabato è calato il sipario sulla 14esima edizione della manifestazione che si è svolta in Molise

Sabato è calato il sipario sulla 14^ edizione delle Convittiadi che per la prima volta si sono tenute nel Molise organizzate dal Convitto Nazionale “Mario Pagano” guidato dalla dirigente Rossella Gianfagna.

Bilancio positivo sotto tutti i punti di vista. Hanno partecipato 21 istituzioni scolastiche provenienti da tutta Italia con circa 700 studenti che hanno gareggiato nelle varie discipline previste dal programma. Per tutta la settimana i ragazzi si sono dati battaglia sempre all’insegna della sportività e della lealtà. Unanimi i consensi per l’organizzazione messa in campo dalla dirigente del “Mario Pagano” e dal suo staff.

Strutture ricettive in città piene per una settimana e, per ospitare tutte le delegazioni, è stato necessario impegnare anche alberghi nei comuni limitrofi.

Positivo anche il bilancio di risultati per il convitto di Campobasso che ha portato a casa in totale 7 medaglie piazzandosi al sesto posto nel medagliere della manifestazione. Un grande balzo in avanti rispetto all’ultima edizione organizzata, quella del 2019 in Lombardia, quando la delegazione molisana tornò a casa a mani vuote senza mai riuscire a salire sul podio.

Per i ragazzi campobassani quest’anno sono arrivate due medaglie d’oro, una d’argento e quattro di bronzo. La prima medaglia d’oro è arrivata giovedì dagli scacchi dal torneo “Large”, quello riservato ai ragazzi più grandi, grazie alla vittoria con 8 successi su altrettante partite del tredicenne Stefano Sorbo che con i suoi 8 punti che gli sono valsi il primo posto, ha trascinato i colori del “Mario Pagano” sul podio della classifica a squadre con un terzo posto, guadagnato con 15 punti, e relativa medaglia di bronzo (la seconda per il giovane talento molisano della scacchiera) grazie anche ai risultati degli altri scacchisti campobassani Alessandro Albanese, Alberto Cosimi e Vincenzo Antonelli.

La seconda medaglia d’oro è arrivata sabato, ultimo giorno di gare, grazie al grande exploit della squadra di basket che ha vinto il torneo misto large superando in finale la formazione del convitto “Cicognini” di Prato con il risultato di 40 a 32. Una vittoria storica che ha scatenato l’entusiasmo del numeroso pubblico presente. Al terzo posto il Convitto “Vittorio Emanuele II” di Napoli che ha superato nella “finalina” il convitto nazionale di Roma. Le altre 4 medaglie sono arrivate dall’atletica leggera.

Francesca Lanese ha vinto l’argento nella prova degli 80 metri piani femminili “Small” superata soltanto da Giulia Di Federico del convitto di Chieti. La stessa Lanese è stata protagonista nella gara della staffetta 4×100 metri mista conquistando la medaglia di bronzo insieme agli altri frazionisti Ginevra Iaizzo, Lorenzo e Alessio D’Oro. La gara è stata vinta da Milano, al secondo posto la staffetta di Prato. Infine due medaglie di bronzo sono state conquistate nella corsa campestre.

Ginevra Iaizzo (secondo bronzo per lei) si è piazzata terza nella prova femminile “small” vinta ancora da Giulia Di Federico del convitto di Chieti, stessa posizione per Flavia Olivia nella prova “large” che ha visto trionfare un’altra abruzzese, Paola Del Rosario, anche lei portacolori del convitto “Giambattista Vico” di Chieti.

Nel medagliere primo posto per l’Educandato “Manuela Setti-Carraro” di Milano con 4 ori, 3 argenti e un bronzo. Al secondo posto il Convitto nazionale “Umberto I” di Torino con 3 ori, 4 argenti e un bronzo. Come detto il “M. Pagano” di Campobasso si è piazzato al sesto posto, un risultato storico per i ragazzi della preside Gianfagna.