Basket: segnali di crescita per la Magnolia, ma il finale non è delle Rossoblu

Terzo stop nella pool playoff per i fiorellinidacciaio. Il quinto fallo di Zala Šrot ed alcuni errori offensivi segnano la differenza

ROMA BASKET 67

LA MOLISANA MAGNOLIA CAMPOBASSO 52

(17-17, 35-33; 49-45)

ROMA: Di Stefano 10, Pragliola, Lucantoni 13, Cedolini 10, Fantini 19, Belluzzo 1, Benini 13, Aghilarre, Cenci 1, Marini, Manocchio. Ne: Maestri. All.: Bongiorno.

CAMPOBASSO: Del Sole 10, Trozzola 15, Panichella, Baldassarre 4, Amatori 14, Šrot, Vitali, Del Bosco 9. All.: Ghilardi.

ARBITRI: Panatta ed Amato (Roma).

NOTE: uscita per cinque falli Šrot (Campobasso).

Una sconfitta con ampi segnali confortanti in grado di dare ulteriori soddisfazioni in prospettiva. Il gruppo junior La Molisana Magnolia Campobasso incappa nel secondo stop consecutivo (il terzo della pool playoff) sul parquet della Roma Basket nel tour de force capitolino che vedrà i #fiorellinidacciaio iniziare il proprio girone di ritorno, domenica, sul parquet del San Raffaele, sempre nell’Urbe.

FINALE CONVULSO Con nelle gambe un periodo particolarmente intenso con cinque partite nell’arco di una decina di giorni, le rossoblù danno vita ad una prova di grande sostanza che le tiene sempre in stretto contatto con le proprie antagoniste, forti di un gioco d’insieme di tutta sostanza con il punteggio particolarmente serrato sino a due minuti dal termine. Qui il quinto fallo sanzionato alla slovena Zala Šrot ed un paio di errori in attacco convertiti da altrettante transizioni vincenti da parte delle capitoline portano a prendere quel margine di quindici punti con cui si chiude la contesa.

PAROLA DI COACH A referto chiuso, così, il trainer delle magnolie Franco Ghilardi non può non mettere in evidenza la condotta di una gara «giocata con tanta applicazione, tanto da aver ricevuto i complimenti di tanti addetti ai lavori per quella che è stata la nostra pallacanestro fatta di coralità, girando bene la palla in attacco. Sono davvero felice di come la squadra ha giocato e della risposta che hanno fornito le ragazze contro una squadra dall’ampia fisicità. Questo è un segnale di rilievo nel percorso di crescita complessiva di questo gruppo in vista del girone ritorno di questa pool promozione».

ANCORA ROMA Domenica, per i #fiorellinidacciaio, ci sarà al PalaAvenali l’avvio del girone di ritorno con palla a due alle ore 20 sul parquet del San Raffaele con l’intento, da un lato, di proseguire nei propri miglioramenti complessivi e, dall’altro, di provare a vendicare il match dell’andata dello scorso sei marzo quando le capitoline si imposero all’Arena di quattro (81-77) dopo un tempo supplementare.