Azione Civile invita i parlamentari molisani non firmate il Ddl concorrenza

Nicola Lanza  referente del comitato nazionale di Azione Civile interviene sul DDL  Concorrenza e chiede ai parlamentari molisani di non firmare la fiducia al governo Draghi: “fermate il DDL Concorrenza è una vergogna”

Durante un CDM di soli otto minuti, convocato d’urgenza, in un panorama nazionale distratto dalla guerra in atto, Mario Draghi, con l’approvazione della sua maggioranza, ha annunciato che, se necessario, porrà la questione di fiducia per accelerare l’approvazione del DDL Concorrenza entro il 31 maggio con il pretesto di accedere ai fondi stanziati nel PNRR.

Il DDL Concorrenza rappresenta il colpo definitivo allo stato sociale che è alla base dell’impianto costituzionale della nostra Repubblica. Infatti, prevede la privatizzazione di tutti i servizi pubblici locali quali rifiuti, energia, sanità, trasporto pubblico locale, servizi sociali e culturali, telecomunicazioni, acqua, il bene comune per eccellenza, tradendo la volontà di 27 milioni di italiani/e che avevano votato per l’acqua pubblica nel Referendum del 2011.

Con questo colpo di mano, Draghi ed il suo governo dei “peggiori” realizza il progetto annunciato durante il suo discorso d’insediamento, in cui dichiarava che non ci sarebbe stato più posto per i “piccoli”. Il futuro apparterràallemultiutility. Nel suo ruolo di soldatino dell’asse atlantico, di paladino del liberismo più efferato, tradisce e smantella quella Costituzione sulla quale, ipocritamente, ha giurato assieme al suo governo di servi. 

L’approvazione del DDL Concorrenza, complementare al progetto delle autonomie differenziate, basate sul principio del profitto, produrrebbe conseguenze devastanti nel nostro Paese: riduzione di diritti, precarietà, povertà, forti disuguaglianze tra regioni e tra cittadini/e. Si realizzerebbe la vera secessione di tristissima memoria.

Azione Civile con il suo Presidente Antonio Ingroia, si appellano al quel poco di coscienza rimasta nei nostri parlamentari perché votino NO! a questo scempio della nostra democrazia, perché non calpestino il sangue dei parigiani che, a costo della vita, ci hanno permesso di avere quella che è conosciuta come “la più bella del mondo”, la nostra Carta, oggi vessata, calpestata, offesa, vergognosamente cancellata. 

Azione Civile, si batterà, strenuamente, assieme a tutte le forze democratiche della Repubblica, perché si arrivi al ritiro del DDL concorrenza.