Assunzioni call center, Danilo Leva vuole vederci chiaro e presenta un esposto in Procura

All'ex deputato Pd, ora candidato consigliere nel suo paese, non piace la tempistica scelta per le selezioni: «Il voto è alle porte»

REDAZIONE
ISERNIA

Un esposto alla magistratura per voto di scambio. Si tinge di giallo la campagna elettorale che si concluderà domenica prossima. A recarsi in procura Danilo Leva, ’ex parlamentare del Pd e attualmente candidato consigliere a Fornelli con la lista civica “Uniti si può”. L’esponente molisano del centrosinistra attraverso un post pubblicato sui social network, infatti, vuole vederci chiaro circa l’imminente apertura di un call center in paese e sui presunti colloqui di lavoro che si starebbero svolgendo in queste ore. A non piacere all’ex deputato del Partito Democratico soprattutto la tempistica delle selezioni: pochi giorni prima del voto.
«Ma vogliamo parlare del call center che dovrebbe aprire a Fornelli causalmente venti giorni dopo le elezioni comuni e dei colloqui che – ha dichiarato Leva -, sempre casualmente, stanno iniziando stamattina ad una settimana dal voto? Saranno tutte casualità, ma per esserne certi un esposto all’attenzione della magistratura aiuterà meglio a capire tutti». In un post successivo, poi, Leva rincara la dose: «Guarderà la Procura se ci sono gli estremi per il voto di scambio». Ora toccherà proprio alla Procura di Isernia decidere il dà farsi. Gli inquirenti potrebbero archiviare l’esposto o decidere di effettuare maggiori accertamenti. Inizia col botto, dunque, l’ultima settimana di campagna elettorale, con un esposto che accenderà ancora di più gli animi.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com