Arte e vita longeva: le correlazioni

di Luigi Castellitto

Impegnarsi con l’arte, il teatro e la musica può essere un buon proposito per il nuovo anno, almeno se si vuole… vivere meglio e più a lungo.
Regolari visite a musei, gallerie d’arte, concerti o teatri sono collegate, infatti, a una vita longeva, secondo uno studio britannico reso noto a Natale.
Precedenti ricerche avevano appurato il fatto che l’esposizione artistica può di certo migliorare il benessere fisico e mentale di una persona, ma non si era parlato di dati sulla sopravvivenza, e per questo i ricercatori dell’University College London hanno deciso d’indagare sull’associazione tra frequenze che abbiano a che fare con l’arte e mortalità.
I partecipanti di quest’ultima prova sono stati quindi seguiti per una media di 12 anni, e i decessi sono stati registrati utilizzando i dati sulla mortalità del servizio sanitario britannico. Dopo aver tenuto conto di una serie di fattori economici, sanitari, sociali, i ricercatori hanno scoperto che le persone che si concedevano esperienze artistiche o culturali una o due volte l’anno avevano un rischio inferiore del 14% di decesso rispetto a coloro che non lo facevano mai. Ma non solo: chi si dedicava ad attività artistiche ancora più spesso, almeno una volta ogni pochi mesi, totalizzava un rischio di morte inferiore del 31%.
Questo, però, è uno studio osservazionale, quindi non è possibile stabilire la causa del fenomeno osservato. Dicono gli autori: «Nel complesso, i nostri risultati evidenziano l’importanza di continuare a esplorare i nuovi fattori sociali come determinanti fondamentali della salute».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com