Arrestato perché girava in scooter con una pistola modificata: condannato 25enne

Per il campobassano 1 anno e 9 mesi con rito abbreviato (con sospensione della pena). Il giovane ha lasciato i domiciliari

È stato condannato, con rito abbreviato, a 1 anno e 9 mesi (con sospensione della pena) il 25enne di Campobasso arrestato a maggio 2021 dai carabinieri  dopo essere stato sorpreso in pieno giorno con una pistola all’origine giocattolo, modificata e occultata nel vano dello scooter.

Il pubblico ministero, al termine della requisitoria, aveva chiesto una condanna a 2 anni e 8 mesi. Il giudice ha stabilito anche la sospensione condizionale della pena.

Il 25enne, difeso dall’avvocato Silvio Tolesino (nella foto in basso) ha anche lasciato gli arresti domiciliari ai quali era stato confinato lo scorso giugno.

Il campobassano, come detto, venne fermato dai carabinieri per un controllo e durante la perquisizione del due ruote, all’interno del portaoggetti posto sotto la sella, trovarono una pistola semiautomatica Bruni 96 ben oleata (completa di caricatore e proiettili).

La pistola, originariamente giocattolo, era stata resa offensiva con la sostituzione della canna e dei congegni di scatto.

Per il 25enne scattò inizialmente l’arresto e la custodia in carcere. Nelle scorse ore il processo e la condanna a 1 anno e 9 mesi.

L’avvocato Silvio Tolesino