Arrestato il “re dello scippo”. Tradito da un album fotografico

Il 7 novembre scorso, gli investigatori della Squadra Mobile di Isernia, (insieme ai militari della Compagnia dei Carabinieri di Isernia-NORM) ha eseguito una Ordinanza  applicativa della Misura Coercitiva degli arresti domiciliari emessa dal Tribunale di Isernia il 5 novembre a carico di S. G. di 20 anni, isernino con a carico pregiudizi di polizia per reati concernenti gli stupefacenti e reati contro il patrimonio.

L’ordinanza è stata adottata dal Gip presso il Tribunale di Isernia Antonio Sicuranza a seguito di richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica di Isernia Maria Carmela Andricciola, condivisa dal Procuratore della Repubblica Carlo Fucci.

Il giovane nel periodo estivo, dal mese di luglio a quello di agosto 2019, si è reso responsabile di più reati predatori (furto con strappo) prevalentemente ai danni di persone anziane, adottando nei confronti delle sue vittime atti di violenza al fine si assicurarsi il profitto.

I reati posti in essere avevano creato notevole allarme sociale.

L’attività di indagine ha avuto inizio grazie alle  denunce sporte dalle vittime, le quali hanno evidenziato che l’indagato aveva escogitato un “modus operandi” sperimentato: individuava le  vittime e con il pretesto di chiedere informazioni con un gesto fulmineo gli strappava il monile d’oro che avevano allacciato al collo e si dava alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

La Squadra Mobile di Isernia in sinergia con personale del NORM dei Carabinieri di Isernia è riuscita ad identificare il giovane attraverso l’acquisizione di video registrati da una telecamera di videosorveglianza, da un riconoscimento effettuato da una delle vittima tramite un album fotografico ed anche grazie ad una testimonianza di una persona che aveva assistito ad uno dei  furti con strappo.

Sulla base di questi riscontri e delle dichiarazioni rese dalle vittime, è emerso un quadro indiziario successivamente condiviso  dal Gip presso il Tribunale di Isernia che ha emesso la ordinanza cautelare eseguita dalla Squadra Mobile e dai Carabinieri del NORM di Isernia.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com