Ariston, il sindaco: “Rispettiamo la sentenza, ma stiamo facendo le nostre analisi”

La querelle che riguarda il cinema Ariston di Campobasso continua a tenere banco nel capoluogo di regione. Oggi ad intervenire sull?argomento ? stato direttamente il sindaco Battista.
?Quella del Cinema Ariston ? una vicenda che si trascina da tempo e che ? ben impressa nell?immaginario di tantissimi campobassani. La storia di un edificio di pregio architettonico di propriet? privata che ? stato il luogo del divertimento, della formazione, dello spettacolo per pi? di una generazione, ma che da anni ormai ? una fatiscente costruzione in centro citt?, su cui i proprietari, per via della nascita di altri centri di aggregazione e culturali, hanno deciso di non investire pi? denaro.
E cos? gli stessi proprietari hanno, in passato, manifestato la volont? di vendere l?ex cinema agli Enti Locali. Ma la buona volont? non basta per trasformare un?idea in un progetto concreto: occorrono fondi, risorse che in un periodo difficile come quello che stiamo attraversando, ormai da troppo tempo, ? impossibile reperire.
Parallelamente la propriet? avrebbe trovato l?interesse di un?azienda ad acquistare l?ex cinema per abbattere e costruire spazi ad uso civile e commerciale
Di fatto quella che sembrerebbe un?ingarbugliata vicenda, che in questi giorni vede sotto tiro l?assessore all?Urbanistica, di fatti si svolge su due piani: quello tecnico e quello politico. L?aspetto tecnico ? stato ovviamente affidato alla struttura Urbanistica al cui vaglio ? stato sottoposto il progetto di riqualificazione avanzato dalla societ? privata Gpe Group srl. L?esito della richiesta del permesso a costruire si concluse, la scorsa estate, con un motivato diniego, accompagnato anche dall?apposizione di vincolo sul prestigioso immobile apposto dalla Soprintendenza per i beni architettonici del Molise. Diniego e vincolo annullati dalla recente sentenza del Tar Molise che ha capovolto le decisioni del Comune e della Soprintendenza. Un regolare iter quello della struttura Urbanistica di Palazzo San Giorgio affidato a chi aveva le competenze per portare avanti il procedimento, ma che alla fine ha avuto un esito inaspettato per via dell?intervento della giustizia amministrativa.
Intanto il sindaco e l?assessore all?Urbanistica hanno affidato ai dirigenti dell?Ufficio legale e dell?Ufficio Urbanistica l?esame della sentenza del Tar, che comunque va rispettata, per le opportune analisi?.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com