Anelli uomo: un accessorio apprezzato soprattutto dai giovani

Melfi 3×1

L’anello è un oggetto fortemente simbolico sin dall’alba dei tempi. Recentemente ha assunto una valenza estetica per cui questo oggetto ci rende più belli o interessanti.  In passato veniva indossato da uomini potenti: papi, imperatori, re. Indicava ricchezza e privilegi, ma anche appartenenza o valore militare.Durante il Rinascimento, gli anelli venivano utilizzati anche come nascondiglio per documenti, oltre che riportare sigilli per firmare documenti. Basti pensare a logge massoniche o associazioni di vario genere, come quelle studentesche, delle confraternite nei college americani.

Oggi, come detto, chi indossa anelli uomo alla moda lo fa obbiettivamente per arricchire il proprio look.  Discorso a parte, invece, per quelli nuziali che vanno indossati, secondo la tradizione, in un dito specifico ed hanno tutt’altro significato. Che nel nostro paese, così come in altri paesi cattolici, ma non tutti, viene indossato nell‘anulare sinistro. In altri, invece, come Spagna e Norvegia, la tradizione indica la destra, come mano prediletta. Portare un anello sul pollice di solito indica libertà. Gli anelli indossati in questo dito sono sottili e lisci, perché essendo coinvolto in quasi tutti gli utilizzi della mano non deve infastidire.

Sull’indice, invece, in passato veniva indossato un anello con sigillo, per firmare documenti legali. Lo stesso valeva per il mignolo. Questa era un’abitudine di nobili o appartenenti a una determinata setta o gruppo chiuso. Poi, negli anni questa abitudine è andata persa, soprattutto da quando l’uso di timbri è diventato meno comune.

Il dito medio non è collegato a nessun retaggio culturale. Però tenete in considerazione che indossare un anello ingombrante su questo dito potrebbe interferire con l’indice e l’anulare. Altro dito, legato alla simbologia è l’anulare che, come suggerisce il nome, viene indicato come quello preposto a indossare un anello. Che sia una fede, un anello con esclusiva valenza estetica o altro, non importa.

 

Come scegliere un anello

I giovani soprattutto sono alla continua ricerca di anelli uomo alla moda che vadano ad arricchire il proprio look. Ovviamente è importante sceglierlo in base al proprio stile ed al proprio look, appunto. Oltre a ciò bisogna conoscere la dimensione. Stabilire la grandezza non è una inezia, la grandezza della fascia infatti determina su quale dito verrà indossato l’anello e la larghezza della sezione trasversale rispetto alla mano contribuisce a farlo apparire grosso e vistoso.

Molto importante è il materiale.  Oltre ai metalli preziosi come oro e argento e ai classici più economici come legno, cuoio e acciaio, ci sono cobalto cromo, titanio, tungsteno e ceramica sono materiali molto gettonati per i gioielli contemporanei, fedi nuziali comprese.

Per esempio, gli anelli da uomo in ceramica sono molto diffusi perché a prova di allergie a differenza di certi materiali metallici, sono economici ma molto scenografici perché si prestano a colori e design originali. Sono a prova di graffi, ma occhio a maneggiarli con cura, si possono rompere. Gli anelli in cobalto cromo, uno dei metalli più in voga attualmente, hanno l’aspetto luminoso dell’oro bianco e anche se si graffiano basta una lucidata per farli tornare come nuovi.

Melfi 3×1

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com