“Ancora Italia” sbarca in Molise: a Termoli il primo circolo cittadino

Dopo il primo congresso tenutosi a Roma il 27 febbraio anche in Molise nasce “Ancora Italia” per una sovranità democratica. “Si tratta di un soggetto politico nato da un’evoluzione di Vox Italia – ha affermato Nicola Tedesco in una nota stampa – socialista e sovranista, si pone l’obiettivo di difendere la costituzione italiana e costruire giorno dopo giorno un contenitore che tende, in modo chiaro, alla difesa dei diritti del cittadino e la difesa della sovranità nazionale come base per un progetto democratico e ideologico, andando oltre i soliti schemi di destra e sinistra. Poniamo al centro della nostra ideologia una progettualità culturale che ci permetta di distinguerci dagli altri movimenti o partiti. Ad oggi possiamo vantare a Termoli il primo circolo regionale che sarà la base di partenza di un nostro radicamento sul territorio con adesioni e contatti che arrivano anche da altri comuni molisani. “Ancora Italia” è andato oltre Vox perché rivendichiamo la nostra identità libera e indipendente come soggetto politico, ma anche perché il nome Vox può essere confuso con il partito Vox Spagna, chiaramente franchista, che sposa concetti e idee che non ci appartengono. Quindi, si è deciso di avviarci verso un nuovo inizio, rivendicando la nostra libertà politica e culturale, con un progetto politico chiaro e indiscutibile che si pone alla difesa degli interessi generali. Siamo aperti al dialogo verso coloro che con serietà e pragmatismo vogliono condividere il nostro cammino. L’ideologo del partito è il professore Diego Fusaro e Francesco Toscano ne è il presidente nazionale. Personalmente – ha affermato Nicola Tedesco – sono già al lavoro per l’allargamento e la crescita di “Ancora Italia” nella nostra regione, stimolato da idee e progetti che rafforzano la mia identità culturale e ideologica. Cercheremo di stare al fianco dei cittadini in questo momento così drammatico per la nostra regione flagellata dalla pandemia, dando voce e facendo sentire il nostro dissenso verso scelte scellerate che non fanno bene alla nostra regione”.