Amazon, guerra in Ucraina e alloggi introvabili: slitta l’apertura del sito di San Salvo

Slitta l’apertura del centro Amazon di San Salvo. Secondo il cronoprogramma che era stato reso noto già dall’anno scorso il colosso della logistica avrebbe dovuto aprire i battenti tra la fine di maggio e giugno.

A far slittare l’apertura, però, pare ci siano problemi logistici relativi all’impossibilità di trovare alloggi per i dipendenti che attualmente sarebbero stati collocati a Pescara.

La concomitanza con la stagione balneare, infatti, ha praticamente reso introvabili gli appartamenti tanto che si moltiplicano gli annunci di ricerca di abitazioni.

La notizia dello slittamento dell’apertura del centro Amazon era stata annunciata nei giorni scorsi dal sito locale di informazione abruzzese Chiaro Quotidiano facendo crescere l’attesa per le tante persone che aspettano l’assunzione.

Quella di Amazon, infatti, era stata una grande opportunità di lavoro non solo per l’Abruzzo ma per tutto il Molise considerando che dovevano essere più di mille le assunzioni. Adesso questo nuovo slittamento che presumibilmente farà tardare l’apertura all’autunno.

Tra i problemi alla base dello slittamento dell’apertura anche la guerra in Ucraina, con le conseguenti incertezze, e il crollo del fatturato dei siti dell’Est Europa che hanno costretto a rivedere i piani di espansione.