Agricoltura biologica, la Cia Molise: “E’ la carta vincente per guardare al futuro”

La Cia agricoltori italiani del Molise continua nella mission di promuovere il biologico, incentivando le produzioni che non utilizzino prodotti dannosi per la salute umana e per l’ambiente. “Promuoviamo da sempre le campagne green – spiega Luigi Santoianni, presidente Cia Molise – e anche questa volta ci uniamo al coro di protesta di Anabio contro i due colossi Sygenta e Frescobaldi, secondo i quali il biologico non sarebbe sostenibile. Il no al biologico per noi è un retaggio d’altri tempi”.  È dal 2019 che Cia promuove con il documento elaborato dalla sua associazione Anabio, l’agricoltura biologica, senza però discriminare quella convenzionale.

“Il biologico al centro della transizione ecologica – commenta il direttore della Cia Molise, Donato Campolieti – è la carta vincente per un’agricoltura consapevole e che guardi al futuro in maniera intelligente. Il biologico anche in Molise è in forte espansione, sono molti gli imprenditori che hanno avviato un percorso biologico e molti sono già al lavoro per convertire le aziende in green farm biologiche e fortemente innovative. Per questo, però, servono, leggi e strumenti precisi, in grado di rafforzare il ruolo del biologico negli ecosistemi e servono – continua Campolieti – misure più snelle e meno farraginose, per permettere agli imprenditori un accesso più veloce e meno generico ai finanziamenti e ai mercati produttivi. Per sostenere le sfide del futuro nelle quali le priorità sono le esigenze dei consumatori, è necessario investire nel biologico senza tentennamenti e senza mezze misure”.