Addio a Nicolino Colalillo, uomo di spicco della politica molisana e della sua amata Bojano

Micone: «Una grave perdita per la nostra regione e per tutti noi»

BOJANO

Nelle prime ore di questa mattina, domenica 14 aprile, si è spento a Bojano Nicolino Colalillo, 86 anni, sindaco della città matesina fino al 1985, presidente del Consiglio Regionale tra il 90 e il 95, assessore e vice presidente della giunta Iorio, tra il 95 e il 2000. Politico equilibrato, affabile e sempre disponibile con tutti, lascia la moglie Immacolata e i figli Giovanni e Mario. I funerali domani, lunedì 15 aprile, alle 16, nella Cattedrale di Bojano.

Cordoglio anche dal mondo politico, a poche ore dalla scomparsa del politico boianese. In particolare, il Presidente del Consiglio regionale, Salvatore Micone, ha dichiarato: «La scomparsa di Nicolino Colalillo rappresenta una grave perdita per il Molise e per i molisani. Uomo mite, gentile, elegante nel vestire, ma soprattutto nel comportamento, Colalillo ha rappresentato la sua Boiano, il suo Matese e il suo Molise nelle istituzioni con decoro, professionalità, sensibilità politica e intelligenza di governo. Indimenticato sindaco della sua città, quindi Presidente della Comunità Montana Matese, Nicolino Colalillo è stato più volte Consigliere regionale, Presidente di Commissione, Assessore regionale, arrivando a ricoprire poi la carica di Presidente della massima Assise legislativa regionale. In quest’ultimo incarico si è distinto per una direzione dell’Assemblea svolta con grande equilibrio e indiscussa capacità di tutela e salvaguardare del buon e sano rapporto tra maggioranza e minoranza. Imprenditore lungimirante, ha saputo rendere la propria azienda produttrice di benessere per la comunità in cui insisteva, non mancando di farle svolgere l’importante ruolo sociale che la Costituzione affida alle imprese. Colalillo resta un esempio da seguire per i politici di questa epoca essendo stato il suo impegno politico, istituzionale ed umano capace di generare convinti consensi nei cittadini e forte rispetto negli avversari politici. Il Consiglio regionale tutto, mio tramite – conclude Micone – lo ricorda con affetto e stima, rappresentando ai familiari il proprio cordoglio e cristiana commozione».

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com