Accoglienza, inclusione e superamento delle differenze

A Termoli successo per la quinta edizione del Mondiale Antirazzista

REDAZIONE TERMOLI

I temi dell’accoglienza, dell’inclusione, del superamento di ogni indifferenza e stereotipo culturale e sociale sono stati al centro della quinta edizione del Mondiale Antirazzista organizzato sui campi della polisportiva SS. Pietro e Paolo di Termoli. Due giorni all’insegna dello sport, della socialità e della convivialità per condividere un percorso di conoscenza, fraternità e incontro tra varie culture e nazionalità. Promotrici della manifestazione sono diverse associazioni e società sportive insieme ad alcune organizzazioni che operano nel territorio a favore dei migranti e più in generale per l’inclusione sociale dei soggetti in difficoltà economiche e/o di altro tipo in un contesto di rete sociale condivisa. Una manifestazione molto sentita da parte dei partecipanti, fortemente voluta dai migranti stessi e divenuta come una “tradizione” per il territorio. Un evento che si è proposto, dunque, di affermare i valori della solidarietà e del contrasto ai pregiudizi contro ogni espressione di odio, indifferenza e violenza. In particolare si è voluto sottolineare il valore sociale dello sport come momento che unisce nelle differenze e non divide sulla base di stereotipi e preconcetti ma apre all’incontro e a guardare l’altro negli occhi come un fratello e un amico. Si tratta di un evento che da sempre conquista i tanti che partecipano in una Termoli che si vuole sempre più scoprire e connotare come antirazzista e aperta al prossimo.

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com