Videosorveglianza, approvato progetto da 500mila euro

Hair Fashion Studio

Isernia, approvato il progetto di fattibilità che darà il via libera all’installazione della rete di videosorveglianza all’interno del territorio comunale. Intervento che ricade all’interno del patto per la sicurezza sottoscritto tra l’amministrazione municipale e la Prefettura di Isernia. Il quadro economico previsto per l’installazione delle telecamere nel perimetro cittadino ammonta a quasi 500mila euro. Per la precisione 498.327,95 euro, di cui 49.832,80 sarà la quota cofinanziata dal Comune. Numerose le aree che saranno interessate dalla collocazione delle videocamere, come si apprende dalla delibera di Giunta con cui si approva il progetto di fattibilità.

“Nel riqualificare alcune aree che meglio si prestano alla socializzazione e al recupero della fiducia tra le istituzioni e cittadini – si legge nell’atto – si è propensi alla riqualificazione di alcune zone non ancora coperte da sistemi di videosorveglianza cittadina come il percorso pedonale della zona Le Piane, la Villa comunale, il Giardino dei giovani ricercatori e di altre aree verdi particolarmente frequentate”. Inoltre, oltre ai varchi elettronici realizzati dalle precedenti amministrazioni per controllare in tempo reale i veicoli che transitano in città, ne saranno aggiunti degli altri nelle principali aree di accesso alla città. Ossia Isernia Nord, Isernia Sud, Isernia Santo Spirito e il tratto finale di Viale 3 marzo 1970. Inoltre, l’esecutivo ha ritenuto “necessario potenziare i sistemi di videosorveglianza comunali nelle aree ad alta densità abitative maggiormente interessate da situazioni di degrado e di illegalità quali San Lazzaro, San Leucio ed il centro storico (corso Marcelli, Piazza Alessandro Volta, Piazza Trento e Trieste, ecc.), oltre a prevedere nuove installazioni nelle aree abitate extraurbane di Castelromano, Conocchia, Fragnete, Coppolicchio, Capruccia, Castagna”. Previste anche “nuove installazioni di sistemi di videosorveglianza nelle aree interessate da strutture o infrastrutture strategiche quali la stazione di pompaggio di Ponte San Leonardo, il serbatoio di Colle Pagano ecc”.

Nel suo complesso, attraverso tale iniziativa il Comune punta a “rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità presenti nel territorio” promuovendo “azioni, progettualità e interventi mirati e condivisi in materia di controllo del territorio, sicurezza e vivibilità, riqualificazione del tessuto sociale e del contesto urbano per migliorare il rapporto di fiducia tra istituzioni e cittadini”. Con l’approvazione del progetto, è possibile presentare la richiesta di ammissione al finanziamento col Patto per la sicurezza.

 

Hair Fashion Studio

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli