Veneziale, stop di nuovo ai ricoveri ordinari. In ospedale solo le emergenze

Norelli

Nuova ‘crisi’ di sovraffollamento al Veneziale di Isernia. Ieri pomeriggio decine e decine di arrivi al Pronto soccorso hanno provocato un nuovo blocco dei ricoveri programmati. Nei reparti, i pochi posti a disposizione devono essere tenuti liberi per le urgenze in arrivo dal Pronto soccorso. Non è la prima volta che accade. Sulla medicina d’urgenza del Veneziale gravita un’intera provincia, quella di Isernia, più le zone adiacenti della provincia di Caserta e di Chieti, come Capriati a Volturno o Castiglione Messer Marino. Insomma è emergenza continua e spesso il Pronto soccorso resta intasato con decine di persone che chiedono aiuto e il personale sanitario costretto a fare i cosiddetti salti mortali per far fronte alle richieste di tutti. Una situazione davvero ai limiti. Da sottolineare l’impegno e lo spirito di sacrificio degli operatori che devono far fronte a casi da codice rosso in condizioni critiche, considerando anche le croniche carenze di personale e mezzi. Comunque i sanitari danno davvero tutto e, un po’ alla volta, riescono a smaltire le urgenze, ma solo a condizione di bloccare i ricoveri ordinari, ovvero quelli programmati per interventi di routine. I posti letto servono per le urgenze.

Norelli

Questo sito utilizza cookie per migliorare l'esperienza per l'utente. Per ulteriori dettagli puoi consultare la pagina dedicata. Accetta Dettagli