Tunnel, il progetto finisce davanti al ministro Franceschini

Erano stati gli stessi rappresentanti del comitato No Tunnel ad annunciarlo in anteprima. D’altronde tra le strade da percorrere per cercare di bloccare il progetto del tunnel e della riqualificazione del centro di Termoli c’era anche quella di arrivare fino al Ministro Franceschini, oltre alla possibilità di impugnare l’eventuale decisione della commissione davanti ai giudici. E adesso la strada ‘politica’ è stata intrapresa. Il progetto del tunnel e della riqualificazione del centro di Termoli è stato portato in Senato grazie a un atto di sindacato ispettivo depositato il 27 settembre dal senatore Gianluca Castaldi del MoVimento 5Stelle insieme ad altri colleghi.

“Abbiamo chiesto al Ministro Franceschini di intraprendere iniziative urgenti – dice Castaldi – visto lo stadio di avanzamento del progetto e la decisa opposizione di buona parte della cittadinanza”. Secondo il senatore vastese, il Ministro avrebbe competenza a seguito del parere negativo della Soprintendenza del Molise che boccia quindi il progetto del sindaco Sbrocca e della ditta, vincitrice dell’appalto, De Francesco. “C’è stata una petizione popolare, prevista dal Regolamento del comune, firmata da circa 3.000 cittadini di Termoli – afferma il pentastellato – preoccupati per la distruzione del proprio patrimonio storico, paesaggistico e archeologico in conseguenza degli interventi previsti dal progetto. Si sono formati comitati di cittadini e comitati referendari contrari al progetto”. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *