Trap: solo musica o pericoloso stile di vita?

50k visualizzazioni

di Davide Di Niro, Marco La Guardia, Antonio Montuori, Christian Caruso e Angelo D’Amore

Negli ultimi anni fra i giovani si è notato un diffondersi a macchia d’olio da parte della corrente di un genere musicale abbastanza giovane, sviluppatosi nel sud degli Stati Uniti a partire dagli anni novanta sulla base del southern hip-hop: la Trap.
In Italia, sono diventati virali Ghali, Capoplaza, Achille Lauro, Sfera Ebbasta, Dark Polo Gang, Vegas Jones e Drefgold, che in pochi anni sono stati capaci di conquistare i posti più alti delle classifiche musicali.
Anche qui in Molise possiamo notare la loro influenza, con i nostri ragazzi che emulano i loro comportamenti e il loro modo di vestirsi, spesso esagerato e particolarmente vistoso.
Grande è stata l’affluenza agli eventi di questi personaggi, all’Invidia, popolare discoteca del capoluogo; per Ghali (9 Giugno 2017) e Sfera Ebbasta(9 Settembre 2017) dove sono stati registrati ben un migliaio di ingressi cadauno.
Questa musica è caratterizzata da testi cupi e minacciosi che raccontano la vita di strada fra povertà, disagio e criminalità. La parola Trap infatti deriva da trap house, appartamenti abbandonati dove i pusher americani producono e vendono sostanze stupefacenti.
Inoltre la parola trapping in slang significa spacciare.
Il rischio che provino a riprodurre il degrado raccontato nelle loro canzoni è elevato, vista la capacità di questa musica di influenzare così tanto specialmente il pubblico più giovane e suscettibile.
Non rari i casi di emulazione; un sedicenne di Sveglione (Venezia) è finito in coma , dopo aver fumato della polpa di pesca, prendendo alla lettera le parole di Achille Lauro nella canzone “Ulalala” dove Lauro recita “Sta weed è talmente arancione che sembra una pesca”.
Il sociologo Arturo Bruni ha però dichiarato:”Finiamola di condannare gli artisti per gli errori dei giovani, anch’io da piccolo ascoltavo i testi violenti di Eminem, ma a me ha educato mi madre mica Eminem“.
La Trap, vista la sua particolarità e controversia, continuerà senz’altro a far parlare di sè, mentre saranno i ragazzi a dover saper discernere la realtà dallo spettacolo offerto dall’artista, spesso solo a scopo di guadagno e non con quello di influenzare in maniera negativa. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *