Torella del Sannio tra i 40 borghi italiani da valorizzare per AirBnb

La Lanterna

In occasione dell’Anno dei Borghi, Airbnb rinnova il proprio impegno a sostegno delle aree rurali e dei piccoli comuni. E lo fa con due progetti: un portale turistico ad hoc, creato in collaborazione con Anci, per scoprire e soggiornare in alcuni dei borghi più belli d’Italia, e nuove iniziative di riqualificazione di edifici a proprietà pubblica all’insegna del design. Per il primo progetto, tra le 20 destinazioni in Italia, è stato scelto il Comune di Torella del Sannio. Mentre, per il secondo progetto, tra i tre centri in Italia, c’è Civitacampomarano, con l’abitazione storica dello scrittore e politico Vincenzo Cuoco.

L’annuncio è stato fatto dal co-fondatore di Airbnb Joe Gebbia, alla presenza del sottosegretario dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo Dorina Bianchi e del sindaco di Palermo Leoluca Orlando durante l’incontro di presentazione del rapporto sull’impatto economico di Airbnb nelle aree rurali tenutosi oggi a Palermo. L’impegno di Airbnb nei confronti delle comunità locali dei borghi italiani era iniziato già due anni fa quando l’azienda decise di sostenere la rinascita di Civita di Bagnoregio. Oggi invece Airbnb lancia un portale dedicato http://italianvillages.byairbnb.com, sviluppato con l’obiettivo di dare maggiore visibilità presso i viaggiatori internazionali alcune delle realtà più affascinanti ma attualmente meno visitate d’Italia. La pagina è pensata per mettere in contatto gli host di questi piccoli centri con i viaggiatori interessati a scoprire l’Italia meno conosciuta condividendo casa con gli abitanti del posto. Ogni borgo viene raccontato attraverso parole e immagini e comprende una guida storica delle aree in oggetto nonché una lista degli appartamenti prenotabili su Airbnb. Si tratta di 20 destinazioni: Aieta (Calabria), Apricale (Liguria), Asolo (Veneto), Barolo (Piemonte), Bevagna (Umbria), Bitti (Sardegna), Città Sant’Angelo (Abruzzo), Cividale del Friuli (Friuli Venezia Giulia), Dozza (Emilia Romagna), Étroubles (Valle d’Aosta), Furore (Campania), Mezzano (Trentino Alto Adige), Moresco (Marche), Pisticci (Basilica- ta), Poggiorsini (Puglia), Sabbioneta (Lombardia), San Casciano dei Bagni (Toscana), Sperlonga (Lazio), Savoca (Sicilia) e Torella del Sannio (Molise). Il sito costituirà uno strumento di marketing territoriale e potrà espandersi in futuro con nuovi borghi. In ambito di riqualificazione Airbnb lavorerà a stretto contatto con artisti locali per restaurare edifici pubblici in tre realtà italiane. A Civitacampomarano, la casa su cui si interverrà è l’abitazione storica dello scrittore e politico Vincenzo Cuoco. “Siamo molto felici – ha detto Joe Gebbia – di poter fare questo annuncio e di promettere il nostro impegno a supporto dei piccoli centri abitati e degli host di alcuni dei paesi più pittoreschi d’Italia. L’home-sharing non è un concetto nuovo agli host delle realtà rurali, che da decenni aprono le proprie case ai viaggiatori. Con il ricorso alla tecnologia possiamo tuttavia giocare un ruolo rilevante nel dare nuovo slancio a queste piccole realtà offrendo ai locali la possibilità di condividere la propria eredità culturale dando al contempo nuovo slancio all’economia locale”. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *