Tentano di appiccare incendio al parco comunale, identificati e querelati i responsabili

App Quotidiano Popup

TERMOLI. Sono stati identificati e querelati gli autori del tentativo di incendio che si è consumato questo pomeriggio presso il parco comunale di Termoli. Tutto è accaduto in una manciata di minuti quando un gruppo di ragazzi ha cercato di appiccare il fuoco al Parco comunale nella zona del pallone pressostatico dei campi da tennis. Fortunatamente alcune persone hanno visto quanto stava accadendo e hanno chiamato immediatamente la Polizia Municipale segnalando agli agenti anche il numero di targa dell’auto sulla quale si erano allontanati i ‘piromani’.
I responsabili sono già stati identificati e il Comune sporgerà querela nei loro confronti.
“Voglio ringraziare i cittadini virtuosi che hanno subito allertato la Polizia Municipale e, naturalmente i nostri agenti. Grazie alla collaborazione tra cittadini e istituzioni abbiamo evitato il peggio, un incendio al Parco comunale che tutti amiamo e che tanto stiamo facendo per restituirlo ai termolesi dopo anni di degrado. Mi auguro che questo spirito di collaborazione e senso civico sia sempre più vivo nei termolesi e in quanti amano la nostra città. Noi, come amministrazione, siamo sempre pronti ad attivarci e ad intervenire in base alle segnalazioni dei nostri cittadini”.

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Una risposta su “Tentano di appiccare incendio al parco comunale, identificati e querelati i responsabili

  1. Teresa Marcantonio

    La gente sta letteralmente impazzendo… Voglio vedere se ora pagano per quello che hanno fatto, quegli idioti, nel Paese in cui vige l’assenza di certezza della pena.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *