Team Penning, campobassani alla ribalta

Difficilmente qualcuno non addetto ai lavori conosce una delle tante discipline equestri associate riconosciute dal Coni, la Fitetrec Ante: Federazione Italiana Turismo Equestre e Trec – Ante. E, all’interno della stessa, la branca del Team Penning. Una sorta di rodeo cui siamo abituati ad associare i ranch americani con i cowboy nel Texas.

Ancor più difficile che qualcuno sappia che in Molise si svolge da alcuni anni un campionato di TP e che esistano diverse squadre che vi partecipano, anche da fuori regione. Con i campobassani Nicola Simone e Nicola Bottone facciamo due chiacchiere per conoscere meglio questo particolare sport.

“Sono ormai sette anni che partecipiamo a questo campionato. Nell’Associazione Cow Farm di Santo Stefano, la nostra squadra, siamo una decina di cavalieri e riusciamo a formare diverse squadre, a seconda delle categorie. Un po’ come nel calcio”.

In che consiste il Team Penning? “Nell’arena di gara vi sono 30 vitelli numerati, tre per ogni numero. Ad esempio tre numeri 1, tre numeri 2 e così via. Tre cavalieri per squadra devono indirizzare i tre vitelli che hanno il numero chiamato dallo speaker nel recinto a disposizione nel minor tempo possibile e senza assolutamente toccarli. A disposizione si ha un tempo limite di 60 secondi entro il quale finire le due manches, che in gergo si chiamano GO. Chi riesce a fare entrare nel recinto più vitelli nel minor tempo vince”.

Quanti sono in Molise gli appassionati di questa attività? “Nella nostra regione ci sono circa 200 tesserati, divisi in diverse squadre. Oltre alla Cow Farm c’è la Western Ranch Isernia, la Samarcanda Isernia, Staffoli Cup, Altavia Vastogirardi, Frosolone, Belmonte Cassino, Capracotta, Vinchiaturo e tante altre. Tuttavia è possibile anche tesserarsi da fuori regione e partecipare alle gare”.

Chi può praticare il Team Penning? “Ci tengo innanzitutto a sottolineare che non c’è alcun tipo di violenza nei confronti dei cavalli, men che meno dei vitelli tant’è che non è possibile toccarli in alcun modo, come previsto dal regolamento. I cavalieri possono avere anche 10 anni, col permesso dei genitori, ed arrivare anche a 60/65, senza limite, se la forma fisica lo consente. Può sembrare strano ma è molto faticosa come pratica”.

Le categorie del TP sono quattro, alle quali ogni cavaliere appartiene in base all’esperienza e al punteggio acquisito. Inutile dire che esistono campionati Europei e Mondiali. Domenica 24 settembre invece si terrà l’ultima “arena” del regionale, ad Isernia. Successivamente prenderà il via uno dei tanti campionati invernali, a Caiazzo in provincia di Caserta, per il quale già sono pronti a cavalcare i cavalieri della Cow Farm.

m.s.

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top