Servizio mensa a scuola e consumi culturali tra i ragazzi, Molise maglia nera

[pro_ad_display_adzone id="159437" random="true"]

L’Italia è un paese “vietato ai minori”, dove quasi 1 milione e trecentomila bambini e ragazzi, il 12,5% del totale, più di 1 su 10, vivono in povertà assoluta, oltre la metà non legge un libro, quasi 1 su 3 non usa internet e più del 40% non fa sport. E’ quanto emerge dal rapporto “Nuotare contro corrente” elaborato da Save the Children.
In tema di qualità dell’offerta educativa a scuola, in Molise e in Sicilia meno del 10% delle classi della scuola primaria offre il tempo pieno (il 5,7% e l’8,2% rispettivamente). In Campania, Abruzzo e Puglia, circa l’85% delle classi elementari sono escluse da un’offerta formativa più ampia. Inoltre, nelle Regioni dove è minore l’offerta educativa, circa due terzi degli alunni non usufruiscono del servizio mensa, con punte dell’80% in Molise e
del 74% in Puglia.
Elevate anche le percentuali di minori che abbandonano prematuramente gli studi. E’ il caso della Sicilia, con il 23,5%, di Sardegna e Campania con il 18%, Puglia 16,9% e Calabria con il 15,7%. Queste Regioni sono lontane dall’obiettivo stabilito dall’Unione europea nella sua strategia per la crescita sostenibile di ridurre il tasso di “Early school leavers”, sotto il 10% entro il 2030.
Sul fronte dei consumi culturali, il 77,9% e il 79,5% dei minori di 6-17 anni rispettivamente di Campania e Molise non ha assistito ad uno spettacolo teatrale nell’anno precedente ala rilevazione. Sempre in Campania, il 69,3% dei bambini e degli adolescenti non ha visitato un museo o una mostra. Percentuale che sale al 69,8% in Puglia e al 71,2% in Sicilia e al 78,2% in Calabria. Oltre il 70% dei minori del Sud e delle Isole non è andato a un concerto di musica classica. Percentuale che raggiunge l’82,2% in Sicilia. In Campania (66,2%), Calabria (57,6%) e Sicilia (63,9%), inoltre la metà dei minori e oltre non ha praticato sport in modo continuativo nell’anno precedente la rilevazione. Infine, circa due terzi dei minori non ha letto libri: Abruzzo 60,9%, Basilicata 63,1%, Calabria 65%, Campania 69,1%, Molise 56%, Puglia 61,8%, Sicilia 63,3%.
Le Regioni dove maggiore è l’offerta educativa per bambini e adolescenti si trovano tutte al Nord: Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna. Anche in queste Regioni, tuttavia, ci sono criticità. Ad esempio, a parte l’Emilia
Romagna, la copertura dei nidi e dei servizi integrativi per l’infanzia, pubblici o convenzionati, è ancora insufficiente. In Lombardia è del 15,5%, in Piemonte del 12,4%, a Bolzano del 13,4%.

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi
[pro_ad_display_adzone id="159441" random="true"]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *