Seac, continua il presidio dei dipendenti. E intanto si pensa ai contratti di solidarietà

Si apre una settimana decisiva per evitare il licenziamento di 8 autisti della Seac, società che gestisce il trasporto pubblico urbano di Campobasso. L’azienda ha già notificato i provvedimenti e dal 16 ottobre i lavoratori saranno disoccupati. Continua il presidio permanente dei sindacati davanti al Comune. Negli ultimi giorni il sindaco Antonio Battista ha annunciato la convocazione di un tavolo Comune-Regione-Azienda per cercare di risolvere la questione.
Intanto sulla vicenda è intervenuto l’arcivescovo di Campobasso-Bojano Giancarlo Bregantini. “Chiediamo con forza il ritiro della decisione amministrativa da parte della Seac – ha detto – dentro un uso saggio delle risorse pubbliche onde meglio distribuire la mobilità urbana negli orari più necessari e utilizzati. Pensiamo si possa valutare la possibilità del contratto di solidarietà. In questa fase difficile per tutti potrà essere una soluzione, pur temporanea, per mantenere servizio pubblico e dignità dei lavoratori colpiti”. “Per parte nostra – ha concluso Bregantini – sentiamo che il fattore finanziario, da solo, non può essere l’unico criterio di soluzione dei problemi lavorativi. L’aspetto sociale ed etico resta infatti il pilastro di ogni scelta, come sempre ribadisce anche l’alto magistero di papa Francesco”. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *