Sanità, raggiunti (e superati) i livelli essenziali di assistenza

Emporio Verde

“La sanità molisana per la prima volta si vede riconoscere il superamento dei livelli essenziali di assistenza (Lea), le prestazioni cioè che devono essere obbligatoriamente erogate ai pazienti: è un traguardo senza precedenti per la nostra regione.

Il Molise prima del 2013 era fermo a quota 140 punti, negli ultimi anni siamo riusciti a raggiungere una buona posizione con 154 punti. Ieri a Roma l’ulteriore e fondamentale passo avanti.

A seguito di una serie di approfondimenti e di un confronto attivo e costruttivo con i Ministeri affiancanti, salute ed economia, sono stati riconosciuti gli adempimenti connessi in particolare all’attiva legata ai vaccini. Nella valutazione dei Lea al Molise, con la prossima certificazione attesa a maggio, questo risultato ci consentirà non solo di raggiungere quota 160, ossia il tetto che le regioni devono garantire, ma anche per la prima volta di superarla.

Un risultato importantissimo possibile grazie all’ammodernamento del nostro servizio sanitario regionale, al cambio di passo e gestionale praticato e al nuovo modello organizzativo messo in atto. Il nostro grazie a tutti gli operatori sanitari, ai vertici dell’Asrem e alla Direzione generale della salute per il lavoro svolto in questi anni teso al raggiungimento di obiettivi di centrale importanza per la nostra sanità”.

Lo dichiara il presidente della Regione Molise e commissario ad acta della sanità, Paolo di Laura Frattura.

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *