?Sagra dell?Uva?. Oggi il gran finale

Alex e Friends

A partire dalle 14.30 la tradizionale sfilata dei carri

Si chiude oggi la tre giorni della Festa dell?Uva, giunta quest?anno alla 83^ edizione. A partire dalle 14,30 sar? riproposta, per le strade di Riccia, la folcloristica sfilata dei carri allegorici, abbinata al terzo concorso fotografico sull?evento. Un?occasione per immortalare le pi? belle immagini di una tradizione a cui ? molto legata la comunit? riccese, che si prepara con largo anticipo e con grande passione per la buona riuscita della particolare manifestazione.
Ad animare la serata Antonio Infantino e i Tarantolati di Tricarico. Musicista, poeta e artista italiano, Infantino vanta un percorso molto significativo. A partire dal 1964 matura varie esperienze artistiche, spaziando dalla musica performativa e gestuale all?elettronica e al free jazz, con altri artisti di poesia visiva. Nel 1966 comincia ad esibirsi dal vivo, al? Folkstudio?di Roma e al?Nebbia Club?di Milano, dimostrandosi uno dei protagonisti del?beat italiano. Nel 1968 registra il primo 33 giri,?Ho la criniera da leone (perci? attenzione), con dodici brani inediti tutti di sua composizione, registrati a Milano con orchestrali della?Scala. Sempre nel ?68 partecipa a?Ci ragiono e canto n. 2?di?Dario Fo, componendo e interpretando insieme a?Enzo Del Re?i brani? Avola? e?Povera gente. Nel frattempo si laurea in architettura, e ottiene l?insegnamento presso l?Universit? di Firenze.
Nel 1975 segna un punto fermo della sua carriera musicale fondando il gruppo?Tarantolati di Tricarico, con i quali, stravolgendo e reinventando il repertorio tradizionale della sua?terra d?origine, crea un canzoniere nuovo e composito, passando dalle ninne nanne alle filastrocche infantili, ai canti di festa e di lotta, basati spesso su ritmi ossessivi e trans-ipnotici. Con questa formazione Infantino incider? tre dischi, tutti per la?Fonit Cetra. Nel 1977 partecipa al?Premio Tenco, e nel 1978 pubblica l?LP?La tarantola va in Brasile, che vede la partecipazione, tra gli altri, di?Faf? De Belem.

Nel 1983 torna a collaborare con?Dario Fo ?musicando il suo? Arlecchino?in occasione della Biennale del Teatro di Venezia. Nell?84 compone l?opera? La fattoria degli animali, utilizzando campionamenti di versi di animali reali. Tra l?84 e l?87 firma la colonna sonora del film? Ternosecco? di? Giancarlo Giannini, e le musiche per la serie televisiva?Vincere per vincere.
Nel 1989 compone le musiche per lo spettacolo? Tricolore triste, allestito ad?Anversa?dal gruppo teatrale belga Nieuwe Scene. Per la stessa compagnia quindi scrive testi e musiche per?La nave dei folli?(1991), spettacolo che ripercorre l?evoluzione del teatro comico attraverso i millenni. Nel 1997, assieme ai?99 Posse, riedita? La gatta mammona, uno dei suoi successi degli anni ?70.
Nel 1998 pubblica? Succh?, una nuova antologia di poesie edita dalla?City Lights Bookstore? di?Lawrence Ferlinghetti. Nel 2000, il suo spettacolo?Tara?n Trance?chiude ufficialmente il?Carnevale di Venezia?in Piazza San Marco, riscuotendo un enorme successo di critica e di pubblico. L?opera si caratterizza per la presenza corale di diverse discipline artistiche e tecniche che coinvolgono costantemente il pubblico fra danze, musica, arti visive. Un rituale coreutico e festoso che ha al centro della scena gli spettatori come soggetti attivi: sollecitati dalla danza ancestrale, dai suoni ipnotici e dai colori vibranti, danzando, si entra in trance attraverso la sapiente guida di questo ?sciamano hypermediale?.?
Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *