Rifiuta di lasciare il centro di accoglienza, arrestato 25enne nigeriano

Confesercenti Cb

E’ stato arrestato  in flagranza di reato dai Carabinieri della Stazione di Montaquila (IS) per tentata estorsione e resistenza a Pubblico Ufficiale. Si tratta di un 25enne di origine nigeriana, ospite in un centro di accoglienza temporaneo ubicato nella frazione di Roccaravindola. Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, il giovane, al quale era già stato notificato un provvedimento di revoca delle misure di accoglienza emesso dal Prefetto della provincia di Isernia, rifiutava di lasciare la struttura ricettiva, pretendendo mediante ripetute minacce di morte, somme di denaro contante dal direttore del centro. I militari si recavano prontamente presso la struttura, dove il 25enne tentava di opporsi al loro intervento, venendo comunque immediatamente bloccato. Trasferito in caserma, dopo le formalità di rito, l’immigrato veniva tratto in arresto con l’accusa di tentata estorsione e resistenza a Pubblico Ufficiale e pertanto rinchiuso presso le camere di sicurezza dell’Arma. Ulteriori indagini sono in corso da parte dei Carabinieri sull’intera vicenda e non si escludono sviluppi già nelle prossime ore. Per un fatto analogo, lo scorso mese di aprile, i Carabinieri di Isernia, arrestarono un altro immigrato ospite presso il centro di accoglienza del comune di Castelpizzuto che si trova tutt’ora in carcere.

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Una risposta su “Rifiuta di lasciare il centro di accoglienza, arrestato 25enne nigeriano

  1. emanuela

    Anche farsi arrestare e condannare è diventato un modo per restare in Italia dove si sa che le condanne sono miti….. sperando poi di non essere rimpatriati al termine della pena scontata e di sfuggire eventualmente ai controlli se posti in affidamento ad associazioni di carattere sociale. Questi certe cose come vanno a finire lo sanno meglio di noi italiani. …. Quando ci accorgeremo che la dobbiamo smettere con i pietismi e rimandare subito in patria chi commette reati sul nostro suolo?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *