Referendum sul lavoro, Petraroia dalla parte della Cgil

Ottica di salvatore

Il consigliere regionale Michele Petraroia in merito ai quesiti approvati dalla Consulta esprime la propria opinione sul tema del lavoro su cui la Cgil ha aperto la campagna referendaria.

«La Corte Costituzionale pubblicherà le motivazioni con cui ha ritenuto inammissibile il Referendum proposto dalla Cgil sul ripristino dell’articolo 18 con l’obbligo di reintegro sul posto di lavoro in caso di licenziamento privo di giusta causa e giustificato motivo. Solo dopo aver letto tali motivazioni si potrà decidere sul piano giuridico come valutare tale decisione, fermo restando la volontà anticipata dal Segretario Generale della Cgil Susanna Camusso di ricorrere alla Corte Europea a tutela dei lavoratori italiani e di quel 1.300.000 di sottoscrittori che hanno richiesto il pronunciamento referendario su questa materia. Sugli altri quesiti che trattano l’abrogazione dei voucher e la responsabilità solidale nel sistema degli appalti, la Cgil ha aperto con una conferenza stampa nazionale la campagna referendaria, fermo restando il diritto del Parlamento ad intervenire in sede legislativa sul merito delle due questioni così come sollecitato dai 2.600.000 cittadini che li hanno proposti. Al di là del percorso istituzionale che obbliga il Governo a fissare la data per lo svolgimento dei Referendum, salvo lo scioglimento anticipato della legislatura, sulla materia del lavoro è indispensabile riprendere una mobilitazione politica straordinaria a tutti i livelli per respingere una prassi di mercificazione e spoliazione dei diritti che è andata consolidandosi nell’ultimo ventennio, dal Pacchetto Treu del 1997 al Jobs Act di Renzi.  Il lavoro da elemento costitutivo della democrazia è stato utilizzato come il capro espiatorio della mancata crescita economica e dello scarso livello di competitività del nostro paese sul mercato globale. Per questo abbiamo il dovere di lottare per invertire la rotta, fermare la mercificazione del lavoro e restituire dignità alle persone che lavorano».

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *