Rapimento al Centro commerciale, tutto un equivoco

Poesia

La Polizia di Stato – all’esito degli accertamenti svolti in merito al presunto tentativo di rapimento di un bambino domenica scorsa, 6 agosto 2017, presso un noto centro commerciale di Campobasso e di cui si è occupata la stampa nei giorni scorsi ma non il Quotidiano del Molise – può con assoluta certezza escludere che tale reato sia mai stato commesso.

Infatti, le conclusioni cui giungeva la Squadra Mobile all’esito delle indagini svolte erano nel senso di una percezione di un fatto occorso ad un bambino di 6 anni da parte di un genitore giustamente in apprensione che ha erroneamente interpretato l’atteggiamento di un cittadino straniero richiedente asilo, il quale si sarebbe avvicinato al minore con l’intenzione di salutarlo con un “batti cinque” e suscitando la paura da parte di questi che ha scambiato tale approccio con un tentativo di rapimento.

I fatti sono i seguenti: nel tardo pomeriggio di domenica scorsa una famiglia composta da padre, madre ed un bambino di 6 anni si recava al centro Commerciale per fare la spesa. Dopo aver girato per negozi, i tre entravano nel supermercato. Il padre raggiungeva il reparto utensili, mentre la madre col minore si portavano nel reparto bevande. Mentre la donna era intenta a prelevare dallo scaffale un prodotto, il bambino che era nel corridoio di fronte allo scaffale parallelo, vedeva giungere una donna straniera e due uomini. Uno dei due immigrati approcciava il minore (come usuale alla cultura africana) con un saluto ed una stretta di mano. Il bambino, però, spaventato, si ritraeva affermando di non voler andare con lui. La madre del minore, sentendo il figlio esprimersi in quel modo, si girava e percepiva che lo stesso era in pericolo, interpretando quell’approccio come un tentativo di rapimento del bambino.

La Squadra Mobile visionava le immagini delle telecamere ad alta definizione del Centro Commerciale, acquisiva le dichiarazioni dei testimoni, identificava gli stranieri e verificava la loro versione che, posta anche in relazione alle dichiarazioni della madre del piccolo, escludeva che si potesse trattare di un tentativo di sottrazione del minore alla madre. Pur giustificando l’apprensione di quella madre e comprendendo lo spavento del bambino, si può però concludere che si sia trattato soltanto di un equivoco chiarito nel giro di qualche ora.

 

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *