Piano Impresa 4.0: le imprese italiane rimangono tradizionali

Schiuma party

L’8,4% delle imprese manifatturiere italiane utilizza almeno una tecnologia 4.0. A questa quota si aggiunge un ulteriore 4,7% di imprese che hanno in programma investimenti specifici nel prossimo triennio. Le imprese “tradizionali”, ovvero che non utilizzano tecnologie 4.0 e non hanno in programma interventi futuri, rappresentano ancora la grande maggioranza della popolazione industriale (86,9%).

Sono questi i primi risultati dell’indagine Mise-MET condotta su un campione di circa 23.700 imprese e pubblicata il 4 luglio a quasi due anni dalla presentazione del ministro Calenda del Piano Impresa 4.0. Il Piano Impresa 4.0. è il piano complessivo di rilancio dell’industria italiana grazie all’utilizzo, per l’appunto, di tecnologie innovative, quali – tra le altre – stampanti 3D, internet delle cose, Cyber security, clouding, big data. Impresa grande e giovane, questo l’identikit dell’impresa 4.0. italiana: la propensione verso le tecnologie 4.0. è infatti direttamente proporzionale al crescere delle dimensioni aziendali. La maggiore dimensione si associa inoltre alla presenza di una direzione mediamente più giovane e qualificato.

Queste correlazioni spiegano sicuramente la diversa diffusione delle tecnologie 4.0. nel territorio italiano: come da attese, infatti, la diffusione è maggiore nel centro Nord rispetto al mezzogiorno. Entrando nel dettaglio delle tecnologie impiegate, cyber security, integrazione orizzontale delle informazioni e internet delle cose sono gli ambiti più diffusi per gli investimenti aziendali. L’indagine evidenzia come nel processo di trasformazione 4.0 il ruolo delle politiche pubbliche sia stato incisivo: quasi 6 imprese “4.0” su 10 dichiarano di aver utilizzato almeno una misura di sostegno pubblico, dato che cala a 2 su 10 se si considerano imprese analoghe ma non impegnate nelle tecnologie in esame. Le imprese hanno utilizzato in larga prevalenza il super ammortamento e l’iper ammortamento, il Credito d’imposta per le spese in R&S, la Nuova Sabatini e i fondi di garanzia.

Puntando i riflettori sul Molise, la nostra regione si colloca nelle prime posizioni. L’8,7% delle imprese molisane utilizza almeno una tecnologia 4.0. Ciò nonostante, solo il 3% ha in programma investimenti specifici nel prossimo triennio, conseguentemente la quota complessiva di imprese tradizionali rimane elevata, superiore al dato medio nazionale (88,3%). Importante, quindi, far aumentare la quota di imprese con intenzione di investimento nel prossimo triennio. Su tale dato influisce probabilmente la scarsa fiducia degli imprenditori molisani nella continuità delle politiche incentivanti e la poca conoscenza della tematica.

Da questo punto di vista non possono che esserci buone notizie: a breve partirà la seconda edizione dei voucher alle imprese della Camera di Commercio del Molise. Tutte le Camere di Commercio, compresa quella molisana, sono infatti inserite nel Network Impresa 4.0 e hanno attivato il proprio Punto Impresa Digitale presso cui chiedere tutte le informazioni sugli incentivi e non solo.

Eliana Marinelli

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *