Papa Francesco visita i luoghi della vita di San Pio

[pro_ad_display_adzone id="159437" random="true"]

di Camilla Leva

Alle 8 di sabato 17 marzo scorso l’elicottero proveniente dal Vaticano è atterrato a Pietrelcina nel parcheggio del santuario. Il Santo Padre, dopo aver visitato la cappella dell’Olmo con un momento di preghiera personale, è salito sul palco allestito per l’evento, dove ha venerato la Madonna della Libera lasciando sulla statua una corona del Santo Rosario. Momento centrale della visita è stato il saluto di Monsignor Felice Accrocca che ha voluto descrivere e presentare al Santo Padre la difficile situazione del paese causata della disoccupazione e della crisi economica che costringe i giovani a trasferirsi.

A questo spunto di riflessione, Bergoglio ha risposto con un invito ai fedeli, accorsi numerosi, alla pace e non alla discordia: “Un Paese in cui si cerca la pace, in cui tutti si vogliono bene e non ci si augura del male, va avanti e cresce, si allarga. Per favore non spendete tempo a litigare tra voi, perchè non vi fa crescere”.

A conclusione un’Ave Maria e la benedizione, i saluti, e alle ore 9 l’elicottero è decollato per dirigersi a San Giovanni Rotondo per celebrare il 100° anniversario dell’impressione delle stimmate di San Pio, avvenuta nel nel coro della piccola chiesetta antica nel 1918.

Lasciato l’elicottero, il Papa ha attraversato il cento del paese, allestito a festa per l’occasione con i colori bianco e giallo, fino ad arrivare al santuario. Solo di passaggio nel piazzale antistante la Casa Sollievo della Sofferenza, Francesco ha sostato per più tempo nel poliambulatorio Giovanni Paolo II. Qui portando un abbraccio, uno sguardo paterno e un sorriso, ha fatto visita ai ragazzi e alle loro famiglie che stanno attraversando un momento difficile in quelle stanze. Significativo è stato il breve momento di preghiera personale del Papa davanti al corpo di San Pio sul quale ha deposto una stola rossa. Altrettanto numerosi sono stati i fedeli che hanno atteso il Santo Padre per la celebrazione Eucaristica. Tra questi moltissimi i pellegrini molisani con famiglie, comunità, gruppi di preghiera e fraternità, che si sono recati in Puglia per l’evento.

Durante la Santa Messa Bergoglio ha ricordato e ribadito l’importanza che la preghiera deve avere nella vita di un Cristiano: “E’ la preghiera, questa forza unita di tutte le anime buone, che muove il mondo, che rinnova le coscienze, […] che guarisce gli ammalati, che santifica il lavoro, che eleva l’assistenza sanitaria, che dona la forza morale […], che spande il sorriso e la benedizione di Dio su ogni languore e debolezza”. Custodiamo queste parole e chiediamoci ancora: io prego? E quando prego: so lodare, so adorare, so portare la vita mia e di tutta la gente a Dio?”.

Per i più giovani invece, l’evento è iniziato già dal venerdì pomeriggio. Questi, grazie ad una proposta del centro vocazionale dei frati minori cappuccini della provincia di Sant’Angelo Padre Pio, hanno avuto la possibilità di vivere la visita del Papa sullo stile della Giornata Mondiale della gioventù. Giovani, di età compresa tra i 16 e i 35 anni, provenienti da varie regioni, tra cui Molise, Puglia, Basilicata e Campania, dopo essere stati accolti nelle varie strutture scolastiche e non, messe a disposizione dal Comune, hanno partecipato alla veglia di preghiera in preparazione alla visita del Santo Padre, presieduta da Sua Ecc. Rev.ma Mons. Nunzio Galantino, (Segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana), nella Chiesa di San Pio. Durante la messa sono sono stati ricordati i giovani Beati che hanno dedicato la loro vita all’amore per gli altri e alla lode per il Signore, nonostante le difficoltà della malattia. Tra questi Chiara Luce e San Pio, sono stati alcuni dei modelli di umiltà e letizia presentati ai ragazzi. Questo momento è stato preceduto da un tempo di svago, di cui ospiti speciali sono stati Suor Cristina, zia Caterina e il gruppo musicale Kantiere Kairòs.

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi
[pro_ad_display_adzone id="159441" random="true"]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *