“No alle centrale gas di Sulmona”, Potere al Popolo alla manifestazione del 21 aprile

Emporio Verde

Dall’ufficio stampa di Potere al Popolo Molise riceviamo e pubblichiamo la seguente nota.

L’8 marzo scorso, con Delibera del Ministero competente, si autorizza la costruzione della gigantesca centrale di compressione e stoccaggio del gas a Sulmona. Ancora una volta un Governo a fine mandato, miope e arrogante, dà il via libera a una grande opera senza neppure preoccuparsi di darne conto ai cittadini che popolano il territorio interessato.

Un’opera che non va a favore di energie rinnovabili, che non porta lavoro ed economia nei nostri territori, che non porterà nuovo gas nelle nostre case e che continuerà nella direzione già presa dalle nostre aziende e dal Governo di creare sui nostri territori pericolosi centri di stoccaggio e di estrazione.

Un’opera che porta alti rischi di incidenti in tutti i territori interessati e in particolare dove è previsto un centro di stoccaggio (a Sulmona, nella valle Peligna, e al Sinarca, nel basso Molise). Un’opera che renderà necessari espropri di alberi e devastazioni paesaggistiche dannose per chi, come i territori adriatici, solo ora stanno cercando di progredire dal punto di vista turistico, paesaggistico e archeologico. Un’opera che è stata tenuta appositamente nell’ombra; un’opera che costerà 130 miliardi di euro e che assicurerà all’Europa una doppia chance nell’approvvigionamento di gas e che condannerà l’Italia a diventare un gigantesco centro di stoccaggio e di distribuzione.

Un’opera che necessiterà di ulteriori collegamenti tra centri di stoccaggio e pozzi e che porterà altra devastazione del territorio marino e appenninico del versante adriatico delle nostra Penisola. Un’opera che necessitava e necessita di essere approvata nel massimo silenzio, ma che sul suo cammino trova Istituzioni e società civile pronti a fare battaglia, come nel caso del Salento o Sulmona, ma che trova anche poca informazione e facili lascia-passare da Regioni e Comuni.

E’ il caso della Regione Molise. Nel nostro territorio sono in progetto – alcuni già approvati, altri in via di approvazione – centri di stoccaggio, come quello che dovrebbe sorgere in zona Sinarca, al confine con quattro comuni (Montecilfone, Palata, Guglionesi e Montenero) e che collegherà il centro già esistente di Cupello (Treste) ai pozzi di Scerni e Casalbordino, attraverso i 114 km del gasdotto Larino-Chieti, opera costruita strategicamente solo per collegare centri di stoccaggio e i pozzi al gasdotto Snam.

I dati tecnici, la circolazione di capitali, la pericolosità sismica e l’imposizione silenziosa e meschina di pubblico e privato nei confronti dei cittadini e dei territori fa riemergere con forza la questione ambientale e riapre la strada a una profonda riflessione che sempre più comunità stanno affrontando: i beni comuni.

I beni comuni sono essenziali e insostituibili. Essi sono né oggetto (merce) e né soggetto (persone giuridiche o fisiche), ma anzi categoria autenticamente relazionale, fatta di rapporti tra individui, comunità, territorio ed ambiente. Ciò che è comune è fondamentale per tutti.

Contro le trivelle in adriatico e contro l’hub di gas si stanno muovendo in tutte le regioni migliaia di persone, decine e decine di comitati e associazioni e un primo luogo di partenza per far dialogare tutte queste realtà sarà la manifestazione del 21 aprile a Sulmona.

C’è un bisogno imminente di riprendere una riflessione seria e determinata su ciò che non può e non deve essere privato. C’è necessità di cambiare interi paradigmi di vita. C’è la voglia di rialzarsi e contrastare questi colossi. C’è la spinta a superare Istituzioni incompetenti e corrotte. C’è la voglia di camminare su territori stupendi, vivi e liberati dai poteri forti.

Un sogno, un’utopia, ma in fondo l’utopia serve a questo, a continuare a camminare. No Snam, no TAP, no Triv; né quì né altrove. (foto archivio)

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *