Molise in controtendenza: è la regione dove si celebrano meno matrimoni

Venditti

Molise, Puglia e Umbria sono le regioni italiane dove diminuiscono i matrimoni. Nel 2015 sono stati celebrati in Italia 194.377 matrimoni, circa 4.600 in più rispetto all’anno precedente ma le tre regioni sono quelle che segnano un dato negativo, in controtendenza con quello nazionale. Gli incrementi maggiori, invece, si sono registrati in Piemonte (+8,1%) e in Sicilia (+6,4%). I dati provvisori riferiti al periodo gennaio-giugno 2016 mostrano 3.645 celebrazioni in più rispetto allo stesso periodo del 2015. La ripresa della nuzialità è diffusa su tutto il territorio. A renderlo noto è l’Istat il quale certifica che nel periodo 2008-2014 i matrimoni sono diminuiti in media al ritmo di quasi 10.000 all’anno anche se per l’anno in esame si tratta dell’aumento più consistente dal 2008.

In Molise nel 2015 sono stati celebrati 854 matrimoni, di cui 607 con rito religioso e 247 con quello civile. Nella provincia di Campobasso sono stati 603, di cui 416 con rito religioso e 187 con quello civile. In provincia di Isernia 251, con 191 religiosi e 60 civili.  La durata media del matrimonio al momento della separazione è di circa 17 anni. Negli ultimi vent’anni è raddoppiata la quota delle separazioni dei matrimoni di lunga durata, passando dall’11,3% del 1995 al 23,5%. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *