Minacce di morte a Nunzia Zarlenga, la solidarietà all’ex vice sindaco di Agnone

Safety consulting

Nel pomeriggio idi ieri a Nunzia Zarlenga, ex vice sindaco di Agnone, attivista e fondatrice del comitato “Il cittadino c’è”, che si batte a difesa dell’ospedale Caracciolo, è stato recapitato un biglietto nel quale veniva

apostrofata con epiteti irripetibili. Dopo le offese, “meriti di essere appesa per i piedi”, la conclusione: “Guardati le spalle”.

Nunzia Zarlenga ha pubblicato sul suo profilo Facebook la lettera di minacce, corredata da un messaggio: “Mi hanno lasciato un pensierino nella cassetta della posta. La prima considerazione è che mi sono sentita sollevata: pensavo fosse l’ennesima bolletta. La seconda la mando al mittente: intanto mi dispiace constatare che non hai palle per dirmelo in faccia, in secondo luogo per scuoiarmi ti consiglio un coltello con una buona lama… ho la pellaccia dura”. Centinaia i messaggi di solidarietà che le sono giunti, tra i quali

anche quello del presidente della Regione Paolo di Laura Frattura: “A confrontarti con Nunzia Zarlenga non puoi che arricchirti ogni volta di qualcosa, anche quando le posizioni sono distanti. Intelligente, appassionata, corretta, Nunzia è una persona che lascia il segno per lealtà e capacità nel suo impegno per il bene comune. Un segno così bello e incisivo da portare qualche vile, evidentemente lontano dalle qualità di Nunzia, all’offesa più bieca e pesante.

Conosciamo bene la volgarità dell’attacco anonimo e anche lo sconcerto che crea in chi lo riceve. Sono atti brutti, che però non meritano resa e timori. Per questo a Nunzia dico: ignora, sorridi e vai avanti! Ti sono vicino”.

La stessa Zarlenga ha commentato: “Non riesco più a contare i messaggi di solidarietà, pubblici e privati. A tutti dico grazie, non sono stata la sola ad avere queste “attenzioni” e altri ci capiteranno ancora. Alla faccenda ho dato il peso che merita: zero, ma non potevo non renderla pubblica. Che sia di stimolo nella ricostruzione di un tessuto sociale lontano da strappi volgari e violenti. Chi agisce in questo modo non ha argomenti. Io non sono sempre nel giusto, non sono né santa né martire, ma non mi sono mai sottratta al confronto diretto, anche aspro. Voglio ribadire che Agnone non è così, c’è tanta gente per bene che non ha nulla a che fare con questa “poracittudine” (come dicono a Roma). Grazie ancora”.

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *