Migranti a Isernia, allarme malattie infettive. Torturato dai libici il profugo con la Tbc

Cresce la preoccupazione tra le famiglie isernine per le notizie relative ai casi di malattie infettive tra i migranti. L’ultimo segnalato, con il ricovero di un giovane nigeriano a Salerno, è solo l’ennesimo di una lunga serie di casi abbastanza preoccupanti verificatisi nei Cat della provincia. Le malattie maggiormante segnalate sono le epatiti, B e C, la tubercolosi, la sieropositività all’Hiv e la scabbia. Quest’ultima è la più temuta nei Cat, perchè molto contagiosa e si diffonde rapidamente tra gli ospiti delle strutture. Una situazione ancora più preoccupante da quando i controlli medici non vengono più effettuati al momento dell’arrivo nei diversi Cat, ma solo dopo diversi giorni dai medici del distretto. Intanto il nigeriano positivo all’antigene della Tbc è a Salerno, ma più che dalla tubercolosi i medici sono rimasti colpiti dalle ferite e dalle lesioni che il poveraccio aveva addosso. Segni della detenzione in un campo profughi in Libia, lì dove i migranti vengono trattati come bestie, picchiati, torturati e anche violentati sessualmente.

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *