L’addio di Cucchi: “Tutto cominciò con Campobasso-Fiorentina”

“Questa volta posso dirlo: è davvero tutto”. Riccardo Cucchi, storica voce della Rai, riporta violanews.com – ieri ha salutato così gli ascoltatori di Tutto il calcio minuto per minuto. Violanews.com ha contattato il radiocronista che lascia il servizio pubblico per la pensione per fotografare la sua carriera che spesso ha visto la Fiorentina come protagonista:
Cucchi, tutto cominciò con Campobasso-Fiorentina.
“Indimenticabile: era l’agosto del 1982, io lavoravo in Molise. Mi facevo le ossa nella redazione di Campobasso. In quegli anni in estate c’erano i preliminari di Coppa Italia. Inizialmente quella radiocronaca avrebbe dovuta farla Ezio Luzi ma per una serie di vicende toccò a me. Andai con spavento ma anche con gioia. Quella Fiorentina era forte, veniva dal secondo posto in campionato e aveva giocatori del calibro di Antognoni e Passarella. Fu una festa quella giornata, i viola vennero accolti con grande affetto da tutti i molisani”.
Qual è stata la voce a cui si è ispirato nel corso della sua carriera?
“Ho iniziato con Ameri e Ciotti, per me sono stati i modelli. La Rai ci aiutava a crescere affiancandoci alle grandi firme, camminavamo insieme e li ascoltavamo. Personalmente ho cercato di rubare da loro, che sono stati la storia, il più possibile. Non so dire a chi somigliavo di più al microfono ma posso dire di aver cercato di far mia loro esperienza”.

L’ARTICOLO COMPLETO QUI

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *