Investito da un Suv, muore un 60enne

Incidente fatale sulla Statale 85: un uomo di 60 anni, Luigi Carcillo, ha perso la vita in seguito a un investimento. Era sceso dall’auto e stava attraversando la strada per recarsi al vicino negozio di sali e tabacchi, ma mentre percorreva la carreggiata è stato investito da un’auto che stava sopraggiungendo in quel momento. Per il sessantenne, originario di Pozzilli (IS) e che aveva un’attività a Triverno, non c’è stato nulla da fare: troppo gravi le conseguenze riportate nell’impatto con la vettura. Il pedone è purtroppo deceduto nell’immediatezza dello scontro,
e a nulla è valso l’intervento dell’ambulanza del 118. Il conducente dell’auto, una Bmw, si è fermato subito dopo l’incidente, che si è verificato ieri sera intorno alle 20 a Sesto Campano bassa, località Taverna, in un punto poco
distante dall’autovelox. L’uomo alla guida del Suv, un napoletano, si stava dirigendo a Santa Maria del Molise. Sul posto sono giunti i Carabinieri di Venafro e Sesto Campano, che hanno effettuato i rilievi per stabilire le dinamiche
dell’incidente. La Polizia stradale, invece, è intervenuta per regolare il traffico sulla Statale, rimasta temporaneamente bloccata, e deviarlo su percorsi alternativi.

  Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Una risposta su “Investito da un Suv, muore un 60enne

  1. Arianna Di Biase

    Ma a che cosa pensava l’autista del mezzo quando guidava?? Questi tristi eventi si verificano solo a seguito della velocità eccessiva: e’ una vergogna! Italia il Paese più indisciplinato d’Europa alla guida.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *