INIZIATIVE – Gambatesa entra nel progetto Borghi della Lettura

50k visualizzazioni

Soddisfazione è stata espressa dall’amministrazione comunale di Gambatesa per l’iniziativa attivata da alcuni mesi nell’ambito del progetto Borghi della Lettura. La villa comunale ospita infatti due Little Freel Library dalle quali chiunque può gratuitamente prendere in prestito un libro da leggere lasciandone un altro all’interno. Si tratta di librerie condivise create con i libri donati dalla collettività.
Attraverso questa attività culturale, il Comune di Gambatesa è stato così inserito a pieno titolo nel circuito nazionale dei Borghi della Lettura. Un progetto di Roberto Colella e Davide Vitiello che hanno proposto un’offerta di turismo tematico capace di mettere in evidenza quelle peculiarità locali in cui ambiente e cultura presentano caratteri di estremo interesse a cominciare dalle biblioteche storiche dei comuni. Nei primi mesi del 2017 l’amministrazione comunale di Gambatesa ha presentato il progetto promosso dall’Associazione Centro Studi Storici e Sociali V. Fusc, con l’obiettivo di creare un marchio nazionale per costruire un’offerta di turismo tematico pianificando uno sviluppo basato sulla valorizzazione del patrimonio culturale.

Non meno importante è la creazione di flussi di utenza motivati dall’interesse alla fruizione del patrimonio e l’attivazione, in risposta, di processi produttivi nel territorio e la valorizzazione del borgo storico con arredo urbano che richiami il marchio designato. La partecipazione delle imprese al progetto di sviluppo culturale del territorio molisano intende assicurare ad esse diversi vantaggi: strategia, redditività e condivisione. Uno dei primi canali comunicativi identificati per importanza e rilevanza sul territorio è quello delle istituzioni scolastiche e delle differenti realtà associative (associazioni culturali, parrocchie, circoli ricreativi..) che potrebbero essere di supporto allo sviluppo e al coordinamento di alcune attività del progetto in un’ottica di gestione partecipata del patrimonio culturale anche del mondo del volontariato. Per interagire con questi canali privilegiati si istituiranno laboratori e strumenti didattici, programmi di visite con presentazioni, filmati, supporti multimediali.
L’associazione Centro Studi Storici e Sociali V. Fusco con sede a Campobasso, titolare della denominazione “Borghi della Lettura”, ne verifica il suo corretto uso in conformità con gli scopi ed è la sola che può deliberare la concessione e la revoca dell’utilizzo del marchio. L’iniziativa “Borghi della Lettura” si inserisce nell’ambito delle strategie di promozione e sviluppo del territorio e ha quali obiettivi specifici: la tutela del patrimonio finalizzato alla sua conoscenza, che è l’obiettivo istituzionale di ogni intervento nel campo dei beni culturali; il soddisfacimento diretto dei bisogni della popolazione locale con primario interesse alla crescita culturale che ha sempre implicazioni sociali ed economiche; la creazione di flussi di utenza motivati dall’interesse alla fruizione del patrimonio e l’attivazione, in risposta, di processi produttivi nel territorio; la valorizzazione del borgo storico con arredo urbano che richiami il marchio designato.
Il marchio “Borghi della Lettura” deve essere utilizzato per l’identificazione dei valori geografici, storico-paesaggistici, culturali e produttivi che definiscono l’identità del Comune; le attività di interesse turistico che valorizzano le peculiarità ambientali del territorio comunale e dei suoi prodotti; le linee o proposte di comunicazione dell’identità locale dei comuni partecipanti con lo scopo specifico di aumentarne la notorietà; all’interno di materiale pubblicitario e promozionale (brochure, lettere intestate, campagne promozionali e di comunicazione, segnaletica territoriale, azioni di marketing territoriale) affinché i comuni aderenti siano riconoscibili quali mete privilegiate per un turismo più responsabile e per accompagnare eventi o iniziative di promozione del territorio in Italia e all’estero attraverso canali diretti e virtuali (fiere, portali Internet, altro…). Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Una risposta su “INIZIATIVE – Gambatesa entra nel progetto Borghi della Lettura

  1. Anna Di Giacomo

    Buona iniziativa, ma mi chiedo e vi chiedo: che cosa bisogna fare per rendere Guardialfiera -il paese di Francesco Iovine- il fulcro culturale del Molise? Si è persa vergognosamente un’occasione ottima per la valorizzazione di questo borgo e, più, in generale, della zona circostante: quella del parco culturale. Gli attuali candidati, in particolare dei due partiti che rappresentano il vecchio, non stanno dando alcuna attenzione al tema, segno che si respirerà sempre la stessa aria e si vivrà sempre nella stessa palude semmai dovessero aggiudicarsi il governo della regione. Non si può continuare ad ignorare le ricchezze culturali del Molise, ed altra imperdonabile mancanza è la più completa dimenticanza di gioielli come Altilia, Pietrabbondante, tutti i castelli che abbiamo, Castel San Vincenzo, Santa Maria della Strada a Matrice. Ci sono voluti i nostri quattro vescovi per dare una scossa ad una cittadinanza e ad una politica addormentata, e non conta affatto il colore politico, l’andamento è questo in Molise. Davvero triste.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *