Il bilancio del maltempo nell’isernino, allerta cessata per piena fiumi (foto)

Ieri, sabato 3 febbraio, frane, smottamenti e ingrossamenti di invasi si sono registrati un po’ tutta la regione a seguito delle copiose precipitazioni abbattutesi su tutto il territorio. Una perturbazione annunciata dalla stessa Protezione Civile che aveva provveduto ad emanare l’allerta meteo ‘arancione’ soprattutto sul fronte occidentale molisano interessando  per lo più le zone del Medio Sangro e Alto Volturno, oltre a Frentani, Sannio e Matese.

Tuttavia, numerosi sono stati i danni registrati che hanno dato un bel da fare ai Vigili del Fuoco del Comando Provinciale che ha raddoppiato il dispositivo di soccorso della sede centrale, di Agnone e dei Volontari di Venafro. A destare maggiore preoccupazione è stata l’esondazione dei fiumi Volturno e Carpino in alcuni punti. In particolare, in località ‘Oasi Le Montine’ nei pressi dell’impianto idroelettrico “presa del Volturno” nei comuni di Venafro e Capriati al Volturno. Ciò nonostante, già nel primo pomeriggio di ieri la situazione degli invasi è ritornata alla normalità e pur permanendo lo stato di attenzione non si segnalano situazioni critiche. Una frana ha interessato una strada secondaria nei comuni di Roccasicura e Forlì del Sannio che per un miglior monitoraggio dell’evoluzione della stessa è stata temporaneamente chiusa. Inoltre, numerosi interventi si sono registrati a causa di veicoli usciti fuori strada e elementi sradicati o resi pericolanti a seguito del forte vento.

Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *