INIZIATIVE – Il 13 giugno nel capoluogo della regione

App Quotidiano Popup

Si è conclusa anche quest’anno la festa in onore di Sant’Antonio di Padova, nella parrocchia di Campobasso a lui dedicata.
Dopo aver lasciato spazio alla festività del Corpus Domini, i giorni che hanno preceduto la festa sono stati caratterizzati dalle omelie delle celebrazioni che, guidate dal parroco fr. Giancarlo Maria Li Quadri Cassini, hanno trattato, come tema principale, quello del “Tempio”, in occasione del 30esiomo della dedicazione dell’altare.
Tra i tanti appuntamenti particolare è stato il concerto dell’organista di fama internazionale Davide Mariano il 10 giugno.
Intensi sono stati senza dubbio i due giorni conclusi della tredicina. Nella giornata del 12 la tradizionale benedizione dei bambini è avvenuta in seguito alla Santa Messa delle ore 18:00. I ragazzi di ogni età, accorsi numerosi, insieme ai genitori, per onorare il Santo, con l’eleganza e la semplicità del giglio bianco, hanno avuto poi, la possibilità di divertirsi grazie all’intrattenimento di alcuni animatori nel piazzale antistante la chiesa.
Protagonista resta comunque la giornata del 13 e a non mancare è stato senz’altro il pane benedetto di Sant’Antonio, che i fedeli, ogni anno più numerosi, hanno potuto prendere durante tutta la giornata, a partire dalle ore 7:00 del mattino durante le celebrazioni che si sono susseguite ogni ora.
Nel pomeriggio, la statua del Santo patrono, al seguito della solenne celebrazione, presieduta dal vicario provinciale della provincia di Puglia e Molise dei frati minori, fr. Donato Sardella, grazie alla processione , che ha visto partecipare i vari gruppi parrocchiali, animata dal post noviziato dei frati minori cappuccini di Campobasso, ha sfilato nelle vie principali della parrocchia.
Antonio Battista, per onorare il santo di cui porta il nome, ha seguito, nelle vesti di primo cittadino, la processione al termine della quale, con un saluto, ha ribadito l’importanza della figura del parroco nei confronti dei cittadini e parrocchiani. Il sindaco ha poi sottolineato il ruolo fondamentale della collaborazione tra la guida civile e religiosa, al fine di un migliore servizio per i cittadini e la città.
Ad incuriosire i fedeli sono state le parole conclusive del parroco, che rivolgendosi a tutti i parrocchiani, ha rivelato che il prossimo 8 dicembre, si aprirà un anno giubilare in occasione della ricorrenza del 50esimo di istituzione delle tre parrocchie francescane della città: Sant’Antonio di Padova, San Giovanni dei Gelsi e il Sacro Cuore di Gesù.
Gli appuntamenti, sospesi per il periodo estivo, ad eccezione del pellegrinaggio del prossimo 29-30-01 luglio a Padova, riprenderanno, più ricchi che mai, l’autunno prossimo, per vivere al meglio questo periodo particolare proposto dalla chiesa, che coinvolgerà tutta la città.
“E sarà proprio in quest’occasione” prosegue il parroco fr Giancarlo “che la nostra parrocchia ospiterà le reliquie di Sant’Antonio. Tuttavia, ci saranno, altre “sorprese” a caratterizzare questo periodo di giubilo, nella speranza di arrivare anche nelle case di chi è estraneo e disinteressato alla vita parrocchiale”.
Così, sollecitando ad una maggior partecipazione, le parole del parroco sollecitano i fedeli a collaborare e partecipare, “abbiamo fatto abbastanza, ma la strada è ancora lunga”. Vuoi ricevere questa ed altre notizie direttamente sul tuo cellulare? Semplice! Invia il testo NEWS SI con un normale sms al nostro numero +39 3201122791 e riceverai quotidianamente sms informativi gratuiti per essere aggiornato in tempo reale sulle principali notizie della regione. Inoltre sempre a questo numero potrai inviarci segnalazioni foto/video di qualsiasi natura tramite WhatsApp

Vuoi accedere al contenuto completo di tutti gli articoli del miglior quotidiano d'informazione del Molise?


Già abbonato? Accedi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *